Questura

Alessandro Sciacca nuovo dirigente Commissariato di Vittoria

Bilancio dell'attività di Polizia nel 2017

Stamattina nel corso di una conferenza stampa tenutasi nella sala Raciti della Questura di Ragusa è stato presentato il nuovo dirigente del Commissariato di Polizia di Stato di Vittoria. Si tratta di Alessandro Sciacca che subentra al commissario Rosario Amarù, quest’ultimo trasferito come dirigente all’Ufficio Immigrazione di Ragusa.

Nel corso della conferenza il Questore Salvatore La Rosa ha stilato un bilancio sull’attività della Polizia svolta nel 2017 in tutto il territorio della Provincia iblea. In particolare ha evidenziato un calo degli sbarchi dallo scorso mese di agosto ed elencato alcuni numeri su provvedimenti di espulsione e non solo. “Oltre a diminuire il numero degli sbarchi – ha spietato La Rosa - abbiamo appurato che è cambiata anche la tipologia degli immigrati che provengono soprattutto dal centro Africa. Nel corso dell’anno abbiamo effettuato circa 1140 respingimenti alla frontiera e 205 provvedimenti di espulsione. Inoltre sono stati rilasciati 10 mila e 116 permessi di soggiorno. Il lavoro della Polizia ha registrato numeri importanti anche per quanto riguarda la Digos, la Stradale e la Mobile. Quest’ultima nel 2017 ha eseguito 354 arresti.

Plauso anche ai commissariati di Modica e Vittoria che nel corso delle loro attività di controllo hanno arrestato per droga o altri reati, rispettivamente 63 persone nel comprensorio modicano e 134 in quello ipparino. Anche il Commissariato di Comiso ha svolto un lavoro certosino nello scorso anno considerato che ha gestito in maniera eccelsa anche la sicurezza dell’aeroporto. Infine – ha concluso La Rosa – mi piace sottolineare un altro numero nel nostro bilancio ovvero le 21 mila chiamate che la Questura riceve ogni anno e che riesce a gestire celermente riuscendo a dare sicurezza ai cittadini tutti”.

Dati area immigrazione: Nell’ambito delle attività svolte dall’Ufficio Immigrazione, durante lo scorso anno, emerge una differenza dei dati statistici relativi agli sbarchi. In particolare, a decorrere dal mese di agosto si è registrata una diminuzione del numero di sbarchi, ma soprattutto un significativo calo del numero di migranti sbarcati. Ed invero, a dicembre 2017 il numero complessivo di sbarchi si è assestato a 57, 3 in meno rispetto all’anno precedente, mentre il numero complessivo dei migranti approdati - e trattati - è stato di 12.010 contro i 19.000 del 2016. Per quanto concerne i dati relativi ai respingimenti, nell’anno 2017, si rappresenta quanto segue: numero complessivo di respingimenti alla frontiera: 1.141. Al di là dell’attività connessa agli sbarchi, nel corso del medesimo anno sono state proposti e notificati 205 provvedimenti di espulsione di cittadini stranieri, dei quali 3 emessi dal Ministro dell’Interno per motivi di sicurezza nazionale e 202 emessi dal Prefetto di Ragusa per permanenza irregolare nel territorio dello Stato. Per quanto riguarda l’attività svolta dalle altre sezioni, nell’anno 2017, si segnala: rilascio di permessi di soggiorno: 10.116; revoche di permessi di soggiorno: 19; rifiuti di rinnovo dei permessi di soggiorno: 267; pratiche di richiesta protezione internazionale trattate: 1.170; rilascio di titoli di viaggio per stranieri: 42.

Dati controllo del territorio: l’attività dei servizi di controllo del territorio è stata orientata con particolare attenzione alla prevenzione dei reati di tipo predatorio, soprattutto le rapine e i furti in abitazione. Numerosi sono stati gli arresti in flagranza di reato per furto aggravato ed in abitazione. A settembre a seguito di una brillante operazione condotta in sinergia tra il personale della Sezione Volanti e quello della polizia Stradale di Ragusa sono stati tratti in arresto 4 topi di appartamento provenienti da Catania, che avevano svaligiato due case, depredandole di ogni oggetto di valore. Dopo un lungo inseguimento i 4 sono stati bloccati permettendo di recuperare l’intera refurtiva, di un valore complessivo di svariate migliaia di euro, completamente restituita ai legittimi proprietari. Ai quattro, rinchiusi nel carcere di Ragusa sono stati notificati i provvedimenti di divieto di ritorno nel capoluogo ibleo. Altro delicato settore sul quale si è rivolta in modo particolare l’attenzione è stata quella della prevenzione di ogni espressione di violenza domestica contro le donne. In particolare sono 5 i soggetti tratti in arresto in flagranza del reato di maltrattamenti in famiglia, oltre a sei soggetti allontanati d’urgenza dalla casa familiare, con un totale di nr. 33 soggetti denunciati all’autorità giudiziaria per reati della stessa tipologia. Il pronto intervento del personale della Sezione Volanti e della Squadra Mobile ha permesso inoltre di sottoporre a fermo di polizia giudiziaria un giovane ragusano per tentato omicidio. Questi, in preda alla gelosia aveva prima tentato di investire con l’auto il suo rivale in amore, per poi colpirlo ripetutamente a terra con un bastone prima di scappare. L’immediata ricostruzione dei fatti del personale intervenuto ha assicurato subito alla giustizia il responsabile dei gravi fatti. Sempre con l’accusa di tentato omicidio è stato tratto in arresto un cittadino richiedente asilo politico che all’interno di un centro di accoglienza cittadino, per futili motivi, brandendo un coltello da cucina aveva tentato di colpire a morte un altro ospite. Inoltre, la tempestiva azione del personale della Sezione Volanti ha permesso di individuare immediatamente l’autista dell’utilitaria che si era data alla fuga dopo aver investito sulle strisce pedonali di Corso Italia un’anziana donna novantenne, che, nell’occasione era stata trasportata in ambulanza a seguito delle ferite riportate. Nell’ambito del soccorso pubblico, di rilievo è stato l’intervento del personale delle Volanti che ha portato al salvataggio in extremis di due turisti che, all’interno di una struttura alberghiera di Ragusa avevano perso i sensi rischiando la vita a causa delle esalazioni di monossido di carbonio. Sempre nell’ambito del controllo del territorio nel periodo estivo preziosa è stata l’azione di vigilanza e controllo delle pattuglie della Squadra Nautica a bordo degli acquascooter garantendo elevati standard di sicurezza in mare.

Dati Polizia Stradale: 18 persone arrestate; 90 persone denunciate; 266 positive all’alcoltest; 5 positive alla droga. Attività contravvenzionale: Patenti ritirate nr. 259; Punti decurtati nr. 9218; Mezzi senza copertura assicurativa nr. 523; mancato uso delle cinture nr. 900. Attività di prevenzione: controlli pullman gite scolastiche. Progetti di Educazione Stradale: Icaro 2017, per la guida sicura delle bici, rivolto ai ragazzi delle scuole medie della provincia; 4 Edizione “Faranno strada di sicuro, giovani artisti per la sicurezza stradale”, rivolto ai ragazzi delle scuole superiori.

Dati Digos: l’attività dell’Ufficio Digos ha riguardato la delicata gestione delle principali vertenze del mondo lavorativo tra cui quella dei lavoratori della ex Provincia Regionale di Ragusa, dei Lavoratori Lotti autostradali Siracusa-Gela, del Consorzio di Bonifica Sicilia Orientale Sede di Ragusa, i lavoratori del comparto dell’igiene ambientale in servizio in alcuni Comuni della provincia, quali Vittoria, Scicli, Modica e Pozzallo. Importante anche l’azione svolta nella gestione della delicata problematica connessa alle esecuzioni immobiliari in cui importante è stata l’attività di intermediazione svolta al fine di avvicinare le parti interessate. La gestione delle Elezioni Politiche Comunali dei Comuni di Chiaramonte Gulfi, Monterosso Almo, Giarratana, Santa Croce Camerina, Scicli e Pozzallo con l’attenta analisi delle campagne politiche con i suoi candidati, della oculata supervisione dei comizi elettorali fino alla gestione delle procedure di voto con il monitoraggio costante del buon andamento della tornata elettorale (11 giugno 2017). Analoga attività è stata svolta nell’ambito delle Elezioni Regionali (05 novembre 2017), nonostante il tempo breve intercorso tra l’indizione delle elezioni, con la presentazione dei singoli candidati ed il giorno delle votazioni, nonché alla attenta gestione della presenza sul territorio di esponenti politici nazionali di spicco, titolati di misure tutorie personali, garantendo l’incolumità degli stessi durante tutta la permanenza in questa provincia.