Benessere

Dieta ipolipidica per dimagrire in maniera sana

Un chilo a settimana

Mangiare alimenti a ridotto contenuto di grassi pari al 20% dell’introito calorico giornaliero. E’ questa la regola della dieta ipolipidica. Si tratta di un regime alimentare che esclude determinati cibi ad alto contenuto di grassi e favorisce il consumo di altri.

Non si tratta di una dieta che fa dimagrire tanto, mediamente si può perdere un chilo a settimana, e può essere consigliata dal medico anche nel paziente diabetico, parallelamente a una dieta a minore apporto di zuccheri semplici. Infine, sotto stretta osservazione del medico curante, in alcuni decorsi post-operatori è necessario ridurre i grassi dalla dieta per un certo periodo. Tra gli alimenti da evitare ci sono: snack e prodotti da forno o confezionati che contengono oli di non specificata provenienza: patatine fritte, prodotti come salse, sughi, preparati industriali, wurstel, carni conservate, salumi, creme, glasse, biscotti, merendine, formaggi lavorati come le sottilette, ma ahimè anche molti prodotti vegan contengono un mix di oli raffinati e sottoposti a idrogenazione.

Attenti anche a impanati, polpette, crocchette, surgelati di verdure e patate, pizze surgelate, sottoli e cibi in scatola. Vediamo ora quali sono quelli da consumare: frutta e verdura, almeno 5 porzioni al giorno ; alimenti integrali sono sempre da preferire a quelli prodotti a partire da farine bianche (quelle raffinate); latte, formaggi e probiotici (il consumo di alimenti derivati dal latte, come formaggi e yogurt, è importante per la nostra salute, tuttavia nel caso si segua una dieta ipolipidica occorre praticare una distinzione preferendo sempre i prodotti più magri ed evitando il consumo dei prodotti più grassi); l’olio extravergine d’oliva per condire, ovviamente con moderazione e preferibilmente a crudo (evitare burro, margarina e simili); legumi in quanto sono estremamente salutari e si possono consumare con tranquillità; pesce azzurro.

Nel tempo si è visto che questa dieta permette non solo la riduzione del colesterolo, ma migliora anche lo stato di salute generale della persona perché tendenzialmente elimina, o comunque riduce sensibilmente, il consumo di alimenti grassi o comunque deleteri per la salute umana (come affettati e carni rosse ad esempio). Altro valore aggiunto della dieta ipolipidica è la sua capacità di consentire un buon dimagrimento se correttamente strutturata in tal senso, essendo una dieta caratterizzata dal consumo di alimenti poco grassi può essere facilmente rivisitata in chiave ipocalorica per consentire al contempo sia la riduzione del colesterolo sia quella del peso e del grasso adiposo.