Basket

Sport e disabilita' a Ragusa

Per un mondo senza barriere

Tutti insieme, senza alcuna distinzione. Accomunati dalla passione per lo sport. Normodotati e diversamente abili, stamattina al Palaminardi di Ragusa, si sono simbolicamente “sfidati” l’uno contro l’altro, in un clima di festa e amicizia come solo lo sport riesce a dare.

L’iniziativa si è svolta in occasione della giornata mondiale della disabilità - che viene celebrata il 3 dicembre dall’Inail di Ragusa, l’Associazione “Oltre l’Ostacolo”, la Cooperativa “Esistere” le Associazioni “I Petali del Cuore” di Ragusa e l’Osservatorio Civico - e che è stata dedicata allo sport paralimpico per iniziativa della stessa Inail di Ragusa, nella persona della dott.ssa Francesca Mangiapane, in collaborazione con il Delegato provinciale Cip Elio Sortino e il delegato provinciale del Coni Gianstefano Passalacqua. Particolarmente interessanti i temi che sono stati toccati nel corso della tavola rotonda che ha visto come relatori lo stesso Gianstefano Passalacqua, il direttore dell’Inail di Ragusa e Siracusa Salvatore Cimino, il presidente della cooperativa Esistere Giovanni Brafa, Antonella Caramia per il Cip, e Gianpaolo Cocco, presidente dell’associazione “Oltre l’ostacolo”.

Presente anche il vicesindaco di Ragusa, Massimo Iannucci che ha consegnato due targhe agli ospiti, nonché il prefetto di Ragusa, Maria Carmela Librizzi che ha rivolto un saluto ai partecipanti. Toccanti, come non sarebbe potuto essere altrimenti, le testimonianze degli atleti diversamente abili che proprio attraverso lo sport hanno ritrovato la propria ragione di vita: Pippo Carrubba, infortunato Inail, medaglia d’oro di tiro con l’arco alle olimpiadi Sidney 2000, Antonio Carnazza per la scherma non vedenti e Leonardo Napolitano per la scherma in carrozzina.

Ma l’occasione è stata utile anche per presentare ufficialmente la squadra di basket in carrozzina, targata Inail e Passalacqua spedizioni Ragusa ed allenata da Svetlana Kuznetsova, che proprio domani pomeriggio esordirà ufficialmente nella prima giornata di campionato. Una novità assoluta per il capoluogo ibleo e per il resto della provincia. Dopo la tavola rotonda c’è stato spazio, in campo, per le diverse attività come tennis tavolo, badminton, tiro con l’arco, scherma, judo. Alla manifestazione hanno partecipato anche gli alunni diversamente abili dell'istituto G. Ferraris di Ragusa, che sono stati accompagniati dai relativi docenti.

I ragazzi si sono cimentati nelle varie discipline proposte ed hanno mostrato notevole coinvolgimento emotivo facendo proprio lo spirito della manifestazione che invitava superare i propri limiti e a diventare protagonisti attivi in tutti i settori della vita sociale.