Teatro

Fuad che toccava le ali alle farfalle a Ragusa

Per la Giornata internazionale contro la violenza donne

La Compagnia G.o.D.o.T. di Ragusa celebra la Giornata internazionale sulla violenza contro le donne con uno spettacolo intenso e toccante. Venerdì 24, sabato 25 e domenica 26 novembre, all’interno della 13^ stagione teatrale “Palchi DiVersi”, in scena al Teatro Ideal di Ragusa la prima assoluta del monologo "FUAD che toccava le ali alle farfalle".

L’opera è tratta dall’omonimo romanzo (ed Splen edizioni) di Lina Maria Ugolini, nota scrittrice e amica della compagnia di Vittorio Bonaccorso e di Federica Bisegna con cui si è sviluppato ormai da tempo un proficuo percorso lavorativo (la Ugolini scrisse infatti il suo primo lavoro teatrale “Un prestigiatore molto mago” proprio per la compagnia ragusana). La stessa Ugolini ha curato la riduzione del testo per la messa in scena, la regia è di Vittorio Bonaccorso, mentre il progetto teatrale e i costumi sono di Federica Bisegna e le ballate di Pietro Cavalieri. Un tema purtroppo sempre attuale, quello della violenza sulle donne, che viene trattato attraverso una scrittura poetica e pregnante, ma mai retorica. Al centro della scena una ragazza egiziana, interpretata dalla giovanissima Federica Guglielmino, in cerca della madre creduta morta, colpevole nell’innocenza di un attentato organizzato dal padre e dai cugini complici degli estremisti islamici.

A caratterizzare Fuad, questo il nome della giovane, e ad accentuarne il dramma è il suo candore, il tocco lieve delle sue dita abili a catturare le farfalle senza sciupare loro le ali, in contrasto con la crudeltà e la pesantezza di un presente di orrori. La farfalla diventa così metafora del cambiamento, della metamorfosi che vive ogni bambina che, crescendo, si ritrova donna e in quanto tale, nella società araba, posta in una condizione di sudditanza nei confronti del potere maschile. Ma Fuad si ribella ad una simile realtà. “Basilare in questo testo, spiega Lina Maria Ugolini - è la conduzione dello spazio, dilatato dalla coralità di una lingua poetica che si fa voce nel vento, la voce di una madre che cerca la propria figlia, la voce di una figlia che insegue in quel vento le sue misteriose farfalle, uno spazio che alla fine di un percorso di narrazione ed evocazione di un passato che brucia ancora, si dissolve nell’erranza di Fuad nel deserto, spazio vuoto e nell’immaginario colmo di tutto, luogo dell’interiorità e dell’incerto che conduce questa creatura delicatissima a trovare la certezza di un riscatto”.

Sul palco del Teatro Ideal il talento delle giovani allieve della Compagnia Godot, con la Guglielmino protagonista, affiancata dal coro composto da Monica Firullo, Sara Cascone, Micaela Sgarlata, Benedetta D'Amato, Benedetta Mendola, Giulia Massari e Paola Di Stallo, che emozioneranno il pubblico grazie ad una storia che con estrema poeticità abbina alla drammaticità del tema trattato, la delicatezza, profondità d’animo e delicatezza della giovane Fuad. Lo spettacolo andrà in scena venerdì 24 e sabato 25 novembre alle ore 21.00 e domenica 26 alle ore 18.00. Ingresso €.10 (ridotto bambini e studenti €.5). Prevendita presso i negozi Beddamatri (Via M. Coffa, 12 - Ragusa) e Il salotto di Amelie (Via Ruggero VII, 69 - Vittoria). Per info: info@compagniagodot.it; 339.3234452; www.compagniagodot.it