Benessere

Dieta del minestrone: fino a 8 chili in una settimana

Va seguita dopo aver consultato il proprio medico

La dieta del minestrone permette di dimagrire dai 5 agli 8 chili in una settimana. Si tratta di una dieta ipoproteica e non è equilibrata quindi è importante consultare il proprio medico curante o uno specialista prima di iniziarla. La dieta, infatti, fa perdere il grasso e i muscoli a causa dello scarso apporto di proteine.

È consigliata a coloro che sono in sovrappeso e ha un’azione oltre che dimagrante anche disintossicante, permettendo un riequilibrio di zuccheri e grassi nel sangue. E’ necessario pesarsi il primo giorno della dieta e il quarto giorno per capire se si è dimagriti tanto. Se si sono persi oltre 4 chili significa che le calorie che abbiamo introdotto sono troppo poche e dunque è bene mangiare un paio di fette biscottate a colazione, ad esempio, o comunque arricchire di un po’ i pasti con pasta o riso integrale. Al settimo giorno dovremmo aver perso circa cinque chili. Ecco il menù settimanale. Primo giorno: Colazione: caffè o tè; mele e pere; Spuntino: succo di frutta non zuccherato; Pranzo: minestrone; mele; Merenda: succo di frutta non zuccherato; Cena: minestrone; pere; Variante: le mele e le pere previste possono essere sostituite da frutta a scelta, escluse uva e banane, che può essere anche cotta o in scatola senza zuccheri aggiunti.

Secondo giorno: Colazione: caffè; Spuntino: tè;Pranzo: minestrone; bietole e cicoria o indivia e broccoletti cotti oppure radicchio verde;Merenda: tè o caffè; Cena: minestrone; 200 g di patate lesse con 10 g di burro; Variante: le patate con il burro possono essere sostituite da 350 a di funghi cucinati con 2 cucchiaini di olio extra vergine di oliva. Terzo giorno: Colazione: tè o caffè; pere e ananas; Spuntino: succo di frutta senza zucchero; Pranzo: minestrone; carote e carciofi crudi o cotti; Merenda: succo di frutta senza zucchero; Cena: minestrone; peperoni, melanzane e zucchine alla griglia; Variante: le pere e l’ananas della colazione possono essere sostituite da frutta a scelta (escluse uva e banane), che può essere anche cotta o in scatola senza zuccheri aggiunti.

Quarto giorno:Colazione: cappuccino preparato con 200 ml di latte scremato; banane; Spuntino: tè o caffè; Pranzo: 200 g di yogurt magro; una banana; Merenda: tè; Cena: minestrone; un frappé preparato con 200 ml di latte e una banana; Variante: i 200 g di yogurt del pranzo possono essere sostituiti da 150 g di ricotta o da 120 g di mozzarella o di gorgonzola o di caciotta. Quinto giorno: Colazione: caffè; Spuntino: tè; Pranzo: 300 g di pesce al vapore (merluzzo, sogliola, nasello); pomodori; Merenda: tè; Cena: minestrone; 200 g di pesce alla griglia (orata, spigola, rombo); Varianti: a pranzo i 300 g di pesce alla griglia possono essere sostituiti da 300 g di calamari o seppie alla griglia; a cena i 300 g di pesce alla griglia si possono sostituire con 150 g di tonno al naturale o con 100 g di salmone affumicato.

Sesto giorno: Colazione: caffè; Spuntino: tè; Pranzo: una o 2 bistecche di vitellone o manzo alla griglia; zucchine e finocchi al vapore; Merenda: tè; Cena: minestrone; 300-400 g di pollo arrosto senza pelle;Variante: a cena al posto del pollo arrosto si possono mangiare 250 g di tacchino arrosto. Settimo giorno: Colazione: caffè; Spuntino: succo di frutta senza zucchero; Pranzo: 150 g di riso integrale con verdure a piacere; asparagi, cipolle e carote al vapore; Merenda: succo di frutta senza zucchero; Cena: minestrone; barbabietole e cetrioli; Varianti: a colazione si possono aggiungere 2 fette biscottate integrali con 2 cucchiaini di marmellata senza zucchero. Quando si completa la settimana della dieta è importante sapere che i carboidrati e le proteine vanno reintrodotti gradatamente.