Elezioni Regionali

Comiso, Digiacomo incontra i cittadini di Pedalino

Candidato all'Ars

Il deputato regionale Pippo Digiacomo, candidato all’Ars nelle elezioni del prossimo 5 novembre, ha incontrato ieri i cittadini di Pedalino in un locale pubblico a due passi dalla piazza principale. Ad aprire i lavori, Gaetano Scollo, capogruppo del Pd al Consiglio Comunale.

Lo stesso ha voluto ricordare ai suoi concittadini alcuni degli interventi che Digiacomo, da sindaco, ha fatto su Pedalino: il cinema Esperia, il metano, la condotta idrica, l’intervento sulla condotta idrica, gli interventi sulle piazzette e sugli impianti sportivi. “Pippo- ha aggiunto- è una persona che non ha mai fatto parlare di sé, che ha sempre lavorato e lavora con le mani pulite ed è così che oggi si presenta a noi ed a voi”. Alessandro Nifosì, consigliere di circoscrizione, ha voluto sottolineare che “Pippo è da sempre un amico di Pedalino. Perché votarlo?

Per le sue capacità umane e la sua caparbietà politica. Tutti abbiamo visto che quando si mette in testa una cosa riesce a portarla avanti ed a portare l’obiettivo a casa. Basti pensare all’aeroporto di Comiso o a come è riuscito a portare la sanità siciliana dall’ultimo posto in Italia al quinto”. Presente all’incontro anche il sindaco di Comiso, Filippo Spataro, che si è rivolto a quanti pensano di abbandonarsi al voto di protesta “Non fatevo- ha detto-. Scegliete persone che possono portare qualcosa a questo territorio. Votare per protesta significa oggi scegliere chi, fino ad ora, è rimasto al balcone a guardare ed aspettare chi fa per criticare, ma che non sa cosa significhi amministrare.

Non limitatevi, poi, a scegliere chi è una brava persona, ma si circonda di impresentabili perché se eletto dovrà lavorare con loro”. Digiacomo ha salutato i presenti dicendosi fiero di aver creato, da amministratore locale, una autonomia di fatto per Pedalino ed ha aggiunto: “cinque anni fa con il vostro aiuto siamo riusciti a riprenderci il Comune e, con il sindaco, ad aprire l’aeroporto di Comiso, a far aprire il cantiere per la realizzazione della bretella che porta al ‘Pio La Torre’, a far rimanere aperto l’ospedale, che oggi è una delle più belle Rsa d’Italia e fra i migliori centri riabilitazione della Sicilia. Oggi vi chiedo di darmi ancora fiducia per continuare il mio lavoro, a partire dall’attivazione del Cargo a Comiso”.