Sanità

Ospedale Modica: riduzione tonsille con radiofrequenza

Nell'Unità Operativa di Otorinolaringoiatria del Maggiore

Adesso, anche nell’Unità Operativa di Otorinolaringoiatria ospedale “Maggiore” di Modica si applica la procedura di riduzione delle tonsille mediante radiofrequenza interstiziale.

Sull'argomento, il Primario dell'Unità Operativa di Otorinolaringoiatria dell'ASP di Ragusa, dottore Vincenzo Calabrese, assieme alla sua Equipe, ha presentato un interessante lavoro scientifico al recente Congresso Mondiale di ORL a Parigi, affermando che: “molteplici sono i vantaggi di tale metodica. Oltre all'annullamento quasi totale del rischio emorragico, che da solo giustifica a pieno l'indicazione in Pazienti con problemi della coagulazione o con credi religiosi che vietano un'eventuale trasfusione di sangue, tra le note positive si evidenziano una durata inferiore dell'intervento, una spiccata riduzione del dolore post-operatorio e la conservazione di una piccola parte di tessuto tonsillare.

Di tale metodica beneficiano, quindi, i bambini - ma anche gli adulti, dove l'intervento può essere eseguito in anestesia locale - con marcata ipertrofia tonsillare tale da determinare disturbi della respirazione, soprattutto di notte allorché numerosi possono essere gli episodi di apnea responsabili, tra l'altro, di ritardo dell'accrescimento, enuresi notturna, disturbi comportamentali durante il giorno con nervosismo e/o facile stanchezza e ridotta resa scolastica”. La suddetta tecnica, ora applicata anche all’ospedale di Modica, non è una novità assoluta di questa Azienda Sanitaria; infatti, già in passato, veniva utilizzata dall’equipe di Otorino, all’ospedale “Regina Margherita” di Comiso e poi ripresa, a seguito dell’arrivo del dr. Calabrese nella nostra Asp, come attività di routine presso l’U.O.C. di ORL all’ospedale “Maria Paternò Arezzo”.