Benessere

Obesità: ne soffrono 28 milioni di italiani

I dati Istat

Sono circa 28 milioni gli italiani in sovrappeso o obese. Lo rivelano i dati Istat che attestano che in Italia il 35% della popolazione adulta è in sovrappeso e circa il 10% è obesa, di contro l’indagine promossa dalla Fondazione Danone su un campione rappresentativo di 2000 persone ha evidenziato che la situazione è molto diversa: il 55% degli intervistati dichiara di avere un problema di sovrappeso.

I dati non sovrapponibili sono da addebitarsi alla percezione di un problema di sovrappeso molto sentito dagli intervistati tanto da generare una nevrosi del controllo del peso: il 25%, ( 1 su 4) ammette di salire sulla bilancia una volta la settimana. Di questi il 40% lo fa tutti i giorni. Alla voce dieta, l’indagine rileva che il 49% degli intervistati ricorre al fai da te, e pochissimi ricorrono allo specialista. Certo le cose non vanno meglio quando si parla di sport, meglio di attività fisica, visto che la sedentarietà è ritenuta la seconda causa dell’obesità. Poi ci sono gli errori alimentari ovvero il consumo spropositato di dolci, gelati e caramelle che sono al primo posto, seguiti dal burro e di grassi.

Secondo il rapporto Osservasalute 2016, che fa riferimento ai risultati dell’Indagine Multiscopo dell’Istat “Aspetti della vita quotidiana” emerge che, in Italia, nel 2015, più di un terzo della popolazione adulta (35,3%) è in sovrappeso, mentre una persona su dieci è obesa (9,8%); complessivamente, il 45,1% dei soggetti di età ≥18 anni è in eccesso ponderale. Come negli anni precedenti, le differenze sul territorio confermano un gap Nord-Sud in cui le Regioni meridionali presentano la prevalenza più alta di persone maggiorenni obese (Molise 14,1%, Abruzzo 12,7% e Puglia 12,3%) e in sovrappeso (Basilicata 39,9%, Campania 39,3% e Sicilia 38,7%) rispetto a quelle settentrionali (obese: PA di Bolzano 7,8% e Lombardia 8,7%; sovrappeso: PA di Trento 27,1% e Valle d’Aosta 30,4%).

La percentuale di popolazione in eccesso ponderale cresce all’aumentare dell’età e, in particolare, il sovrappeso passa dal 14% della fascia di età 18-24 anni al 46% tra i 65-74 anni, mentre l’obesità passa, dal 2,3% al 15,3% per le stesse fasce di età. Inoltre, la condizione di eccesso ponderale è più diffusa tra gli uomini rispetto alle donne (sovrappeso: 44% vs 27,3%; obesità: 10,8% vs 9%).