Salute

Tumore al seno, ottobre mese prevenzione: visite gratuite

Ecco gli esami da fare

Ottobre è il mese rosa e il mese della prevenzione del tumore al seno. In molte Regione d’Italia durante questo mese vengono effettuate visite gratuite, screening per prevenire il tumore più diffuso tra le donne o eventi per la campagna di sensibilizzazione.

Nonostante siano stati fatti enormi passi in avanti nella ricerca di cure, la prevenzione rimane lo strumento più efficace per combatterlo. Quando si parla di tumore al seno, o carcinoma mammario, si indica una malattia che si manifesta attraverso la formazione di tessuti nelle ghiandole mammarie, costituiti da cellule malate, che crescono e si sviluppano in maniera incontrollata e anomala. Il tumore al seno secondo i dati dell’Airc, l’Associazione Italiana per la Ricerca sul Cancro, colpisce due donne su otto. La prevenzione e la diagnosi precoce sono indispensabili per riuscire ad affrontare questo terribile male, prima che sia troppo tardi.

Vediamo quali sono gli esami medici da fare e come effettuare l’autopalpazione Innanzitutto, ogni donna, fin dall’adolescenza, dovrebbe imparare a fare l’autopalpazione, per individuare precocemente noduli e altre anomalie. L’autopalpazione va fatta regolarmente ogni mese, tra il settimo e il quattordicesimo giorno del ciclo. Il modo migliore per farla è stando distese sulla schiena, con un cuscino sotto le spalle. Appoggiate la mano destra sul seno sinistro e fate dei piccoli movimenti circolari su tutta la superficie del seno, fin sotto l’ascella. Ripetete lo stesso gesto con la mano sinistra sul seno destro. Prenotate subito una visita senologica se individuate anomalie o avete dubbi.

La visita senologica è un esame clinico completo del seno, effettuato da un medico specializzato. È una procedura indolore e andrebbe fatta ogni anno dopo i 40 anni. Tra i 40 e i 50 anni, bisognerebbe fare annualmente anche la mammografia e l’ecografia, specialmente se in famiglia ci sono o ci sono stati altri casi di tumori al seno. Dopo i 60 anni, il rischio di sviluppare un cancro al seno aumenta, quindi è necessario intensificare i controlli. Per prevenire il tumore al seno è molto importante anche avere un’alimentazione e uno stile di vita sani. La dieta migliore, secondo l’AIRC, è quella mediterranea, in cui però bisogna ridurre il più possibile il consumo di carne rossa, da sostituire con il pesce azzurro. È fondamentale, inoltre, fare un’attività fisica moderata per 30 minuti al giorno, almeno cinque giorni a settimana.

Ecco alcuni eventi: per sabato 14 ottobre Comune di Borriana, LILT, Alpini e Pro Loco hanno organizzato una speciale Cena in Rosa, in occasione della campagna per la prevenzione del tumore al seno. Alle 20 cena per tutte le famiglie nei locali dell’Oratorio di Piazza Mazzini. Il ricavato della serata sarà destinato alla Lega Italiana per la Lotta contro i Tumori; Tumore al seno, passeggiata in rosa a Bellizzi: l'iniziativa dell'Andos si terrà il 15 ottobre partendo, dalla sede dell'Andos di Bellizzi, alle ore 9.30, si svolgerà la terza camminata in rosa per sensibilizzare tutte le donne a fare prevenzione per il tumore al seno;

a Torino in piazza San Carlo sono state installate trenta figure immobili su una piattaforma circolare. Una folla di sagome che danno le spalle allo spettatore da qualunque punto di osservazione e lo obbligano a fermare lo sguardo. Si tratta di una suggestiva installazione allestita per “costringere” i passanti a confrontarsi con l’atteggiamento prevalente nei confronti del tumore al seno metastatico: una patologia di cui si parla poco e a cui si tende a “voltare le spalle”; a Pisa grazie alla campagna “Nastro Rosa Lilt” lunedì 16 ottobre, si potranno effettuare visite gratuite, alle socie, per la prevenzione dei tumori al seno nei suoi ambulatori di via Abba.

Potranno usufruirne anche coloro che non sono socie della onlus, tesserandosi con una spesa minima e prenotandosi al numero 050-830684 nei giorni di lunedì, martedi e giovedì dalle 15 alle 18 e il mercoledì dalle 9 alle 18. La tessera sarà valida anche per le altre campagne di prevenzione promosse durante l’anno.