Cronaca

Prostituzione: troppi casi a Ragusa

Sos di Ragusa in Movimento

 “Troppi casi di prostituzione nella nostra città. E’ il tempo di fermarsi e di riflettere. Per evitare che la situazione peggiori e il degrado aumenti”.

E’ il monito lanciato dal presidente dell’associazione politico culturale “Ragusa in Movimento”, Mario Chiavola, secondo cui le ultime operazioni delle forze dell’ordine hanno messo in rilievo quanto il fenomeno sia presente e, purtroppo, capillare anche nel nostro ambito urbano. “Abbiamo ricevuto segnalazioni, nei giorni scorsi – prosegue Chiavola – di ragazze che attraccavano clienti in pieno corso Italia, durante le ore notturne. Abbiamo appreso della vicenda dell’aguzzino nigeriano che costringeva a prostituirsi, a Ibla, alcune connazionali.

Per non parlare dei tanti, troppi episodi, che durante i mesi scorsi, hanno animato le cronache cittadine con riferimento alla presenza di vere e proprie case a luci rosse, soprattutto nel centro storico superiore, che sembra essere diventato il nuovo punto di riferimento per questo nuovo mercato dei corpi umani. Come “Ragusa in Movimento”, nello stigmatizzare quanto sta accadendo e nell’esprimere piena preoccupazione non solo per ciò che potrà succedere in futuro ma soprattutto per quale potrà essere la città che lasceremo ai nostri figli, invitiamo l’amministrazione comunale ad attivare momenti di confronto, coinvolgendo le agenzie educative, affinché da un lato si possano sensibilizzare le coscienze sulla questione e dall’altro si valutino quali possano essere le contromisure più efficaci per cercare di contenere, se non debellare, il fenomeno in questione”.