Comune

Sicurezza Modica: maggiori restrizioni

Lo chiede l'associazione Confronto

"Confronto", l' Associazione iblea per la società e lo sviluppo, ha tenuto un incontro per affrontare il problema sicurezza nel territorio.

Il Consiglio Direttivo ha dato atto alle forze dell'ordine che, nonostante le difficoltà operative, sono riuscite, negli ultimi tempi, a mettere a segno dei risultati sicuramente importanti. "Dopo i tanti furti e gli atti delinquenziali degli ultimi mesi - ha sottolineato il Presidente Enzo Cavallo - gli arresti ed il ritrovamento di tanta refurtiva, costituiscono un segnale sicuramente confortante che concorre a restituire un po' di tranquillità, non solo alle vittime dei tanti furti denunciati da tempo, ma all'intera comunità nella consapevolezza che non sono solo i danni conseguenti ai furti a preoccupare, ma anche il clima di grande paura che viene a crearsi fra i cittadini e per chi abita e svolge attività imprenditoriale nelle aree rurali e soprattutto in zone particolarmente isolate".

Secondo l'associazione appare però assurdo che in alcune zone i cittadini e gli imprenditori, abbiano deciso di autogestire la vigilanza quando si è in uno Stato di diritto dove si pagano le tasse anche per essere sicuri. Per questo occorre mettere le Forze dell’Ordine nelle condizioni di poter pattugliare il territorio con una presenza continua e non solo nei momenti dell’emergenza, ed intensificare la videosorveglianza del territorio. Altra nota dolente evidenziata da "Confronto" è il fatto che molti di coloro che sono stati arrestati nelle scorse settimane, sono già in giro a piede libero. L'associazione sollecita criteri restrittivi diversi e mirati a evitare che i delinquenti possano agire con una certa tranquillità sapendo di potersela fare franca tenuto conto anche dei tempi della giustizia.

“Plauso alle forze dell'ordine per il lavoro svolto - ha dichiarato Saro Petriglieri, consigliere di Confronto - auspichiamo che ci sia altrettanta solerzia in sede giudicante". In sintesi non si capisce il senso del lavoro, delle forze dell'ordine se i soggetti possono continuare a delinquere. L'associazione per quanto riguarda il territorio di Modica, verificherà con l’amministrazione comunale lo stato di attuazione del piano-sicurezza che comprende la istallazione di videocamere nelle principali frazioni. “Nell’ultimo incontro col Sindaco - ha chiarito Giorgio Rizza, responsabile dell’associazione per Modica - abbiamo avuto, anche per la video sorveglianza del territorio, delle assicurazioni che intendiamo verificare" .