Scuole

Sicurezza edifici scolastici: Minardo scrive al Ministro

Abbate: scuole sicure a Modica

“Potenziare i controlli sulla sicurezza degli edifici scolastici e sull’azione degli enti locali che non rispettano tempi e modalità di intervento”. E’ cosi che interviene con una nota il deputato nazionale di Forza Italia, Nino Minardo, a poche settimane dall’avvio dell’anno scolastico.

“Ho chiesto - commenta Minardo - al Ministro dell’istruzione di intervenire urgentemente affinché vengano effettuate in ogni edificio scolastico, nel più breve tempo possibile, tutte le verifiche tecniche atte a controllare le condizioni degli edifici ai fini della loro utilizzabilità, in una Regione come quella siciliana notoriamente caratterizzata da un forte rischio sismico. Ho chiesto al Ministro, inoltre, di potenziare i controlli sull’azione degli enti locali in materia di rispetto di tempi e di tipologie di interventi di adeguamento e messa in sicurezza degli edifici adibiti a servizio scolastico”.

E nel mentre il deputato nazionale invita il ministro ad avviare i controlli il sindaco di Scicli Enzo Giannone chiude una scuola, la Elio Vittorini di Sampieri, in urgenza per lavori di manutenzione straordinaria. “Piccoli lavori di manutenzione, come spiega il primo cittadino sciclitano interpellato telefonicamente - tanto che saranno conclusi entro una decina di giorni”. Nel frattempo il sindaco Ignazio Abbate afferma, attraverso una nota diramata a mezzo di stampa, che Modica è tra i “pochi comuni siciliani virtuosi in materia di prevenzione sismica e abbattimento delle barriere architettoniche nelle scuole”.

“Approfitto dell’intervento dell’onorevole Minardo sullo stato di salute delle scuole siciliane – commenta Abbate - per fare il punto della situazione degli edifici ricadenti nel territorio modicano. Tempo fa abbiamo intrapreso una capillare azione di ispezione di tutti gli edifici scolastici ricadenti sotto la nostra responsabilità che ha portato risultati concreti. Grazie al lavoro della P.O. Salvatore Gallese, su 14 scuole esaminate abbiamo riscontrato criticità su un edificio e sulla palestra della scuola media “Giovanni XXIII”, prontamente chiusi con conseguente trasferimento degli alunni. Sul resto degli edifici non sono emersi al termine delle verifiche statiche problemi di questo genere.

Purtroppo però, l’età avanzata di tutte le scuole, ci ha spinti ad effettuare diversi lavori di manutenzione in particolare per le infiltrazioni di acqua. Inoltre abbiamo avviato l’adeguamento alle norme antincendio e soprattutto un massiccio intervento di abbattimento delle barriere architettoniche. A malincuore bisogna però constatare che lo Stato ancora una volta lascia soli i Sindaci. Molti dei miei colleghi non provvedono alle verifiche statiche per paura di ritrovarsi a dover affrontare criticità enormi a fronte di mancanze di liquidità notevoli.

L’auspicio è che possa arrivare dal Governo un segno tangibile, una volontà concreta di superare queste criticità urgenti, visto che parliamo della sicurezza dei nostri figli”.