Scuola

Ragusa, bando Miur: messa in sicurezza edifici scolastici

Padua: accreditamento entro il 30 settembre

Un avviso pubblico per la messa in sicurezza degli edifici scolastici, all'interno di un'azione specifica del Pon 2014-2020, di titolarità del dicastero, è stato pubblicato ed è disponibile sul sito del Miur.

A breve, entro il 30 settembre, gli enti locali proprietari degli edifici pubblici adibiti ad uso scolastico statale dovranno provvedere all'accreditamento, per poi inviare entro il 30 novembre una proposta progettuale definitiva. Come specifica il bando, le proposte di intervento possono riguardare: l'adeguamento e il miglioramento sismico ed impiantistico, gli interventi di messa in sicurezza finalizzati all'ottenimento dell'agibilità degli edifici, la bonifica dall'amianto, l'accessibilità e il superamento delle barriere architettoniche, l'efficientamento energetico e l'attrattività delle scuole, intesa come miglioramento della qualità e ammodernamento degli spazi per la didattica e per lo svolgimento di servizi accessori, come la mensa o gli spazi per lo sport.

“E’ fondamentale per gli enti locali del nostro territorio - dice la senatrice Venera Padua - cogliere questa occasione concessa dal Governo per le regioni del Sud. In Sicilia, in particolare, le risorse disponibili ammontano a 115 milioni di euro, con il limite di 3,2 milioni di euro per gli interventi che riguardano ogni istituto. É bene, quindi, che ci si attivi con prontezza, per non perdere questa occasione per le scuole della provincia di Ragusa. Per esempio – continua la senatrice dem - si potrebbe utilizzare il finanziamento per alcuni primi interventi da realizzare sul palazzo degli Studi di Modica, che ospita lo storico liceo classico, punto di riferimento della cultura locale e istituzione che ha formato generazioni di studenti.

Per questo, invito il commissario straordinario del Libero consorzio comunale, Dario Cartabellotta, a convocare in tempi brevi una conferenza dei servizi, per riunire tutti i soggetti interessati e concordare la strategia più opportuna per la partecipazione al bando. Negli anni scorsi, dopo il sisma del 1990, il palazzo degli Studi di Modica era già stato interessato da un progetto di messa in sicurezza predisposto dalla Protezione civile che, però, era stato finanziato solo in parte e che, per questo motivo, non fu concretizzato così come auspicato. Quindi, esiste già un percorso che potrebbe essere ampliato, modificato e adattato al nuovo bando del Miur.

In conclusione, penso si tratti di un'occasione da non perdere, da sfruttarsi certamente per il liceo classico di Modica dove ci sono già progetti di ristrutturazione pronti ma anche per tutti gli altri edifici scolastici della provincia che necessitano di interventi di efficientamento e messa in sicurezza”.