Attualità

Matteo Renzi a Ragusa: iniezione di fiducia

Le parole del segretario del Pd Peppe calabrese

“Un Renzi più maturo, che ha usato toni meno forti del solito, ma determinato come sempre”.

Così il segretario dell’Unione comunale del Pd, Peppe Calabrese, definisce l’incontro di ieri mattina a Poggio del sole resort animato dal segretario nazionale del partito, Matteo Renzi, che ha presentato il libro “Avanti – Perché l’Italia non si ferma”. Renzi è stato l’uomo chiave della politica italiana degli ultimi anni. Ha guidato un governo che ha varato molte riforme e su una, quella costituzionale, è caduto. Alla guida del Partito Democratico ha ottenuto alle elezioni europee del 2014 uno dei più brillanti risultati elettorali della storia politica italiana, ma anche una bruciante sconfitta referendaria nel 2016, che lo ha portato a dimettersi da presidente del Consiglio e da segretario nazionale.

Nella primavera del 2017 quasi due milioni di italiani lo hanno rieletto alla guida del Pd. In questo libro Renzi parla della difficoltà di cambiare le cose ma anche dell’orgoglio di provarci. Degli errori e dei passi falsi ma anche dei risultati ottenuti e delle sfide aperte. Racconta aneddoti inediti dei mille giorni a Palazzo Chigi ma anche le proposte politiche per l’Italia dei prossimi anni, dalla battaglia per cambiare l’Europa fino all’introduzione dell’assegno universale per i figli; dal numero chiuso per l’immigrazione agli investimenti in cultura e periferie; dalla lotta per il lavoro fino alla sfida ambientale e ai progetti di bonifica del paese. “Secondo me – dice Calabrese – una bella iniziativa. Renzi, come sempre, protagonista anche nel dire senza giri di parole quello che pensa. Grande soddisfazione per un segretario comunale ospitare nella propria città il proprio segretario nazionale.

Un Renzi molto disponibile che ha riservato, a margine dell’intervista, numerose pacche sulle spalle, dediche personali sul suo ultimo libro e moltissime foto con il popolo democratico. Non dimentichiamo, inoltre, che da capo del governo Renzi ha avuto grande attenzione nei nostri confronti con il finanziamento riguardante il progetto della metropolitana di superficie, progetto spinto dall’on. Nello Dipasquale e seguito al meglio dalla senatrice Venera Padua sino all’effettivo finanziamento. Insomma oggi è stato un sabato mattina di festa per il popolo dem che è assolutamente consapevole della battaglia politica elettorale da affrontare nei prossimi giorni. Renzi, alla fine, si è fermato con tutti noi, ha voluto approfondire la conoscenza del partito a livello locale per preparare la strategia vincente su tutte le prossime competizioni che ci saranno.

In sintesi un toccasana e una iniezione di entusiasmo trasmesso a tutto il gruppo dirigente locale della provincia e al popolo dem presente, parlando del suo libro e lanciando al contempo la candidatura di Micari alla presidenza della Regione Sicilia”.