Salute

Ansiolitici e antidepressivi: picco di vendite in estate

I dati dell'Agenzia italiana del farmaco

Altro che relax per le vacanze estive. Da giugno a settembre è stato registrato un aumento delle prescrizioni di ansiolitici e depressivi.

Lo rivelano i dati forniti dall'Agenzia italiana del farmaco. Secondo le statistiche, infatti, è cresciuta la richiesta di benzodiazepine, psicofarmaci dalle proprietà sedative, ipnotiche e ansiolitiche. Gli acquisti da parte delle farmacie territoriali (per il consumo pubblico e privato) hanno registrato un picco nel corso dell'anno e in particolare a gennaio, giugno e settembre. In particolare, prendendo come riferimento il 2015, la dose definita giornaliera (Ddd) per mille abitanti è stata pari a 60,2 a gennaio, 57,4 a giugno e 60 a settembre ("un andamento influenzato dalle procedure di acquisto da parte delle farmacie", precisa l'Aifa), contro ad esempio un dato pari a 50,5 nel mese di marzo e 47,2 di dicembre.

I tre 'picchi' annuali sono legati anche all’aumento del disturbo del sonno, legato alle torride temperature estive ma non solo.