Salute

Stress post vacanze? Arriva la Wow Therapy

Italiani incapaci di accettare la fine delle ferie

Gli italiani sono incapaci di accettare la fine delle ferie e cadono in quella che gli esperti definiscono insoddisfazione cronica o stress da rientro delle ferie.

Risulta così compromesso anche il rapporto sociale con amici, parenti o colleghi di lavoro, ma soprattutto l’integrità della propria salute. Pare che l’89,7% dei italiani è preoccupato dal rientro al lavoro dopo le vacanze, essendo consapevole del fatto di aver finito il proprio tempo libero. La maggior parte è preoccupata dal rientro al lavoro (89,7%) e dalle conseguenti richieste eccessive del proprio capo (58,2%) che possono portare a carichi di lavoro spropositati (47,3%). Un altro motivo di insoddisfazione è il caos della città.

Se fare delle code in macchina risulta meno stressante quando si viaggia per svago, quando si utilizza l’auto per andare al lavoro lo stress si manifesta ai massimi livelli (57%). Questi fattori nella maggior parte dei casi si sommano al pensiero di non aver sfruttato al massimo i giorni di libertà (53%) e alla sensazione di aver speso troppo (46%).Lo stress lavorativo e caos cittadino spingono gli italiani a non accettare la fine delle ferie e l’ansia aumenta il rischio di malattie coronariche e psicologiche. Secondo uno studio della Columbia University, le persone arrabbiate o stressate hanno una maggiore possibilità di sviluppare malattie cardiache rispetto a chi vive la vita con entusiasmo.

Secondo gli esperti c’è una soluzione semplice per sconfiggere questa problematica, la “Wow Therapy”, ovvero la capacità di trarre piacere dai piccoli aspetti positivi della vita quotidiana. Ma quali momenti possono aiutare gli italiani a superare l’ansia da rientro? Secondo gli esperti è necessario stupirsi delle piccole gioie che troppo spesso vengono date per scontate e che per gli italiani sono rappresentate dall’ammirare un bel tramonto (15%), dal godere del sorriso dei bambini (12,3%), dal sentirsi stimati dalla compagna (10,2%) o dagli amici (4,5%) o dal ricevere un abbraccio o un bacio da chi si ama (5,8%).