Benessere

Frutta e verdura allungano la vita

Lo rivela uno studio

Cinque porzioni di frutta e verdura al giorno allungano la vita. Lo rivela uno studio pubblicato su 'Lancet' mette in dubbio la 'regola aurea' dell'Organizzazione mondiale della sanità: già con 3 o 4 porzioni di frutta, verdura e legumi al giorno (375-500 grammi) si raggiunge un vantaggio in termini di mortalità simile a quello delle famose 5 porzioni.

Il lavoro, condotto su oltre 135.000 persone in tutto il mondo, offre un'opzione più semplice da attuare anche nei Paesi a basso e medio reddito. Si tratta di uno studio che ha esaminato l'assunzione di frutta, verdura e legumi e la sua associazione con malattie cardiovascolari e mortalità su scala globale, e comprende dati provenienti da 18 Paesi. Gli autori sottolineano comunque che l'assunzione di frutta, verdura e legumi dovrebbe essere sempre considerata parte di una dieta sana. Ma se in molti Paesi 5 porzioni possono sembrare eccessive, lo studio suggerisce che 3 o 4 porzioni potrebbero essere altrettanto vantaggiose.

Attenzione però: i ricercatori non suggeriscono cambiamenti alle persone che possono permettersi acquisti 'green', ma un approccio più 'accessibile' e salutare nei Paesi più poveri. "Le linee guida alimentari attuali non possono essere raggiunte a livello globale - sottolinea Victoria Miller della McMaster University, in Canada, primo autore del lavoro - poiché frutta e verdura" costano parecchio "in molti Paesi a basso e medio reddito. I nostri risultati suggeriscono un approccio probabilmente più accessibile. Tre o 4 porzioni di frutta, verdura e legumi al giorno comportano un vantaggio simile per la riduzione del rischio di morte".

Non si tratta comunque di un suggerimento a tagliare le dosi per chi già segue la regola delle 5 porzioni, chiarisce Miller. Lo studio ha incluso 135.335 persone tra i 35 e i 70 anni, di 18 Paesi. All'inizio del lavoro tutti hanno fornito informazioni su condizioni economiche, stile di vita, storia medica, peso, altezza, girovita e pressione. Durante un follow-up in media di 7,4 anni sono stati registrati 4.784 eventi cardiovascolari maggiori, 1.649 morti per malattie cardiovascolari e 5.796 decessi in tutto. Ebbene, l'analisi ha mostrato che il rischio di morte era ridotto per chi mangiava almeno 3 o 4 porzioni di frutta, verdura o legumi al giorno.