Musica

Ispica, Ibla Classica a Villa Anna

Promossa da Agimus

Tre appuntamenti per una stagione di grande successo. Si è conclusa ieri tra applausi e apprezzamento da parte di un pubblico numerosissimo e assolutamente entusiasta la rassegna musicale “Ibla Classica International Estate”, promossa dall’associazione Agimus, presieduta da Marisa Di Natale.

Tre serate che hanno accompagnato l’estate iblea, nella bellissima cornice di Villa Anna sulla Ispica-Pozzallo che ormai da diversi anni ospita gli appuntamenti estivi. Una rassegna che anche quest’anno ha riconfermato le attese da parte degli spettatori ormai affezionati e fedeli, ma anche dei tantissimi turisti che hanno goduto di momenti di elegante piacevolezza grazie ad un’offerta musicale sempre di qualità e al contesto assolutamente suggestivo della villa ottocentesca siciliana. A chiudere la stagione i Chroma Ensemble impegnati in una esibizione dedicata al tango argentino.

Con lo spettacolo “La storia del tango” i musicisti Marco Cascone (Arrangiamenti/Pianoforte/Fisarmonica II), José Massaro (Violino I/Mandolino), Marina Zago (Violino II), Michela Bonavita (Viola),Jascha Parisi (Violoncello) e Gianluca Abbate (Fisarmonica) hanno ripercorso la storia della musica più passionale del mondo dai primi anni del ‘900 fino ai giorni nostri. Bravissimi poi i tangheri Barbara Carpino, Claudio Forte, Fausto Carpino e Stephanie Fesneau che con la loro danza hanno aggiunto pathos ad un’atmosfera già coinvolgente. Oltre al tango, il calendario di questa stagione ha voluto rendere omaggio anche alla grande musica classica e alla canzone partenopea.

Ad aprire la rassegna il 6 agosto scorso è stato infatti il Galà dell’Operetta dedicato alle opere più belle e intense del panorama lirico internazionale, con il soprano Manuela Cucuccio e il baritono Francesco Verna accompagnati dal violino di Giovanni Cucuccio e dal pianoforte di Peppe Arezzo. Grandi interpreti della musica nel mondo, con ricche carriere internazionali, che hanno conquistato il pubblico presente grazie ad un variegato repertorio che ha spaziato dalle esibizioni singole ai duetti emozionanti. Un tuffo nella canzone partenopea invece per il secondo appuntamento del 10 agosto con il concerto “Serenata napoletana” con il Quartetto Calace, composto da Edoardo Converso alla mandola, Giovanni Dell’Aversana alla chitarra e da Michele De Martino e Agostino Oliviero ai mandolini, ad accompagnare la voce del tenore Pietro Quirino.

La formazione ha regalato un excursus storico della musica partenopea dal Seicento fino alla metà del Novecento, reso ancora più appassionante dalla raffinata teatralizzazione che caratterizza le esibizioni del gruppo trasformando il concerto in un vero e proprio spettacolo. A conclusione si ogni spettacolo una gradita degustazione della granita siciliana offerta da Tasta, accompagnata dalle deliziose bollicine dei vini di Feudo Ramaddini. Soddisfatti della qualità del programma offerto e dalla risposta entusiasta del pubblico gli organizzatori della rassegna che danno appuntamento alla prossima estate.