Auto

Chiaramonte, 212 iscritti alla salita dei Monti Iblei

Battuto il record del 2016

Ammontano complessivamente a 212 gli iscritti alla 60a Salita dei Monti Iblei ed alla 60a Coppa Monti Iblei per Autostoriche. Frantumato il record stabilito solo 365 giorni addietro, quando ad aderire alla “classica” che da Roccazzo s’inerpica sino alle porte della ridente cittadina ragusana nota per l’”Olio dop” e per i Musei erano stati 205 piloti.

Comunque vada è confermato il trend di gradimento e di crescita della kermesse automobilistica tra gli specialisti dell’Italia meridionale rispetto anche al 2015 quando ad iscriversi alla corsa erano stati in 190. E’ pertanto al suo apice la settimana “di passione” dedicata dagli appassionati di motori non solamente siciliani alle due competizioni di velocità in salita promosse dal Team Palikè Palermo e dalla locale Pro Monti Iblei, con il fondamentale patrocinio assicurato dal Comune di Chiaramonte Gulfi. La Salita dei Monti Iblei e la Coppa Monti Iblei Autostoriche spegneranno le rispettive 60 candeline del compleanno tra venerdì 25 (quando sono fissate le verifiche tecnico-sportive) e domenica 27 agosto (con in calendario Gara 1 e Gara 2), non tralasciando sabato 28 agosto, giornata dedicata alle prove ufficiali.

La 60a Salita dei Monti Iblei, già Riserva ufficiale per il Civm (il Campionato italiano velocità montagna 017), avrà dalla sua parte la prestigiosa validità per il Tivm Sud 2017, il Trofeo italiano velocità montagna (‘anticamera’ per il Tricolore della specialità), del quale costituisce la 9a prova stagionale. Altrettanto importanti le valenze per il Campionato siciliano Velocità in salita AciSport 2017 (si tratta della terza tappa in calendario) e per lo Challenge AssoMinicar Salita (approdato all’ottava prova stagionale). La 60a Coppa Monti Iblei Autostoriche (pur essa in programma dal 25 al 27 agosto) è confermata nella sua validità per il Campionato siciliano Salita Autostoriche AciSport 2017, di cui costituisce il quarto appuntamento dell’anno. La ripartizione tra le due competizioni vede 166 piloti presenti tra le Moderne, nella gara riservata al Tivm Sud e altri 46 tra le “Ancienne”, per un totale, appunto di 212 unità.

Tra le tante curiosità statistiche, a far la parte del “leone”, per numero di presenze in gara, saranno le divertenti vetture Bicilindriche, ben 26 “pepate” Fiat 500 e Fiat 126 pronte a darsi battaglia sui 5,500 km del tracciato chiaramontano, 23 delle quali iscritte nella selettiva classe 700 del gruppo 5. Assente il vincitore dello scorso anno, il catanese Andrea Currenti, ad animare in modo ulteriore la categoria saranno altri piloti etnei, Antonino Longo, Daniele Portale, Orazio Laudani (tutti a nome di Cubeda Corse), Pippo Marino, Marco Monaco (per la Catania Corse) e Salvatore Sotera (Giarre Corse), nonché il preparatore messinese Nino Cardillo (Catania Corse) ed il “veterano” agrigentino (originario di Sciacca) Calogero Carlino. Pressoché alla vigilia della Monti Iblei permane grande incertezza nel pronosticare quale potrà essere il risultato conclusivo.

Come già riferito, grande favorito per la vittoria assoluta sembra essere ancora una volta il catanese Domenico Cubeda, già vincitore di tre edizioni consecutive della “classica” chiaramontana, dal 2014 al 2016 (di cui l’ultima a suon di record del tracciato). Il portacolori della Cubeda Corse, riposta in garage la gloriosa Osella PA2000 Honda, è passato da oramai quattro gare al volante della più performante e competitiva Osella FA 30 Zytek, preparata da Paco74 Corse per la parte telaistica e da Renato Armaroli per quanto concerne invece il poderoso motore da 3000 c.c. Cubeda, in trionfo quest’anno nella Svolte di Popoli (ospite nel Pescarese) e nella Salita Cellara colle d’Ascione (nel Cosentino), secondo assoluto domenica a neppure 2” dal vincitore Domenico Scola nel 52° Trofeo Luigi Fagioli a Gubbio valevole per il Civm, punterà così a calare il “poker” nella Monti Iblei, considerata la cronoscalata di casa.