Salute

Lavare il pollo crudo aumenta diffusione batterio

Rischioso per la salute

Campylobacter è il nome del batterio che si diffonde quando si lava il pollo crudo. Secondo l’Agenzia per la sicurezza alimentare del Regno Unito lavare il pollo crudo potrebbe causare rischi alla salute in quanto favorirebbe la diffusione del batterio che può soggiornare in maniera latente nella carne. Questo batterio si adatta bene a temperature comprese tra i 30 °C e i 47 °C e resistente al congelamento.

Gli esperti della FSA hanno spiegato che attraverso il lavaggio del pollo, i batteri si diffondono sugli strumenti da cucina o sulle mani, favorendo la creazione di un ecosistema ideale per la distribuzione. Il patogeno può invadere poi il tessuto epiteliale intestinale e quindi innescare una condizione patologica nota come campylobatteriosi, caratterizzata da diarrea, febbre, nausea, crampi addominali e brividi di freddo. I ricercatori hanno anche ricordato che secondo alcuni studi può sussistere una relazione tra l'infezione di Campylobacter e lo sviluppo della sindrome di Guillén Barré, chiamata a volte paralisi di Landry o sindrome di Guillain-Barré-Strohl, che è una radicolo-polinevrite acuta (AIDP, acute inflammatory demyelinating polyradiculoneuropathy) che si manifesta con paralisi progressiva agli arti con andamento disto-prossimale (di solito prima le gambe e poi le braccia).

Gli esperti infine spiegano che per ridurre il diffondersi del batterio bisogna ridurre il contatto diretto con il pollo crudo e utilizzare il più banale ed efficacie trattamento battericida ovvero la cottura.