Carabinieri

Acate, rissa tra famiglie e sparatoria

Quattro arresti

I carabinieri della Compagnia di Vittoria, la notte scorsa, sono intervenuti in una maxi rissa tra famiglie con sparatorie. E’ accaduto in via Manzoni ad Acate intorno alle ore 5. La rissa ha coinvolto ben 7 persone, tra cui due minorenni.

Grazie al tempestivo intervento dei militari della locale Stazione e di quelli dell’Aliquota Radiomobile, attivi nel pattugliamento delle vie cittadine, e in particolare dell’area urbana, la situazione è rientrata nella normalità: 4 le persone arrestate e 3 denunciate a piede libero, sequestrato anche un fucile con matricola abrasa utilizzato durante il violento alterco che è costato il ferimento di un ragazzo, fortunatamente non grave. Tutto è successo per futili motivi e, dopo qualche parola di troppo, due famiglie acatesi si sono scontrate con spintoni, minacce e insulti.

La situazione è poi ulteriormente degenerata quando uno di loro ha imbracciato il fucile, che deteneva illegalmente, e ha sparato colpendo alla gamba un giovane della controparte: i Carabinieri, giunti sul posto, oltre a far intervenire il personale del 118 per i soccorsi, sono riusciti a sedare gli animi e a disarmare tutte le persone coinvolte e, dopo aver ricostruito la dinamica dei fatti grazie anche ad alcuni testimoni, hanno tratto in arresto quattro persone, di cui due con precedenti penali, Palmieri Angelo, 40enne, Zisa Giovanni, 20enne, Zisa Salvatore, 46enne, e Zisa Danilo, 18enne. Inoltre, sono state deferite in stato di libertà alla competente Autorità Giudiziaria F.V., 37enne, e due giovani minorenni.

A seguito di perquisizione domiciliare è stato sequestrato il fucile usato, un cal. 12 a due canne privo di matricola, e due cartucce: il ragazzo ferito dall’arma da fuoco, Zisa Danilo, ne avrà per almeno otto giorni. Al termine delle formalità di rito espletate presso la caserma di via Galileo Galilei, Palmieri Angelo è stato ristretto presso la Casa Circondariale di Ragusa, mentre gli altri tre sono stati sottoposti agli arresti domiciliari presso la propria abitazione: tutti sono a disposizione del Sostituto Procuratore della Repubblica, dott. Scollo, dinanzi al quale dovranno rispondere di rissa aggravata, lesioni personali aggravate, nonché di detenzione di arma clandestina.