Contact Center Infocamere

Fiom e NIdil Cgil: presidio lavoratori a Roma e Padova

In agitazione dal 28 luglio

Fiom e NIdiL CGIL organizzano un presidio dei lavoratori a rischio, coinvolti nella procedura di assegnazione dell’appalto per l’esternalizzazione del Contact Center Infocamere, già in stato di agitazione dal 28 luglio scorso. Giovedì 3 agosto, dalle 14 alle 16, a Roma, in via Morgagni 13 (sede Infocamere).

Nonostante l’inoltro di una richiesta urgente d’incontro per l’apertura di un tavolo con tutti i soggetti interessati, unitamente a una diffida dal formulare ulteriori proposte ai lavoratori, prima dello svolgimento dell’incontro, le Organizzazioni Sindacali, ad oggi, non hanno ancora ricevuto risposta. Di contro, i lavoratori hanno ricevuto una convocazione di incontro per domani, 3 agosto. In gioco le modalità di assunzione di oltre 90 lavoratori tra somministrati e tempo determinato, a Roma e a Padova, a cui le società vincitrici della gara di appalto (RTI, Rete Temporanea di Imprese, composta dalla Cooperativa Sociale Giotto di Padova e dalla Credit 2 Cash di Roma) hanno proposto, verbalmente e durante colloqui individuali, la prospettiva di una condizione lavorativa pregiudizievole.

Malgrado le ampie rassicurazioni di Infocamere, profuse a piene mani nei giorni e nei mesi scorsi, le proposte di assunzione prevedono contratti di 3 mesi, per il tramite di un’agenzia di somministrazione, con contratti nazionali applicati aventi condizioni nettamente più sfavorevoli di quello dei metalmeccanici e della contrattazione integrativa, con la prospettiva di contratti part time, al posto dei full time attuali.