Comune

Ragusa, rotatoria contrada Mugno: la proposta di Chiavola

Necessario il decoro all'ingresso della città

Interviene ancora una volta Mario Chiavola, presidente di Ragusa in Movimento, sulla rotatoria di contrada Mugno ma anche su quella che si trova a due passi dall’ex passaggio a livello, quasi di fronte al cavalcaferrovia, e che conduce agli opifici della seconda e terza fase.

Tuttavia questa volta, oltre a porre il problema suggerisce anche una soluzione. “ma l’Irsap (l’ex consorzio Asi deputato alla gestione della intera zona industriale - n.d.r.) non potrebbe farsi promotrice di una convenzione con i privati, sulla falsa riga di quanto fanno già i Comuni della nostra zona, per fare in modo che questi ultimi curino il verde nelle rotatorie? E’ davvero un pugno in un occhio, per tutti, avere a che fare con queste indecenze. E i ragusani non sono più disposti a tollerare storie di nessun tipo o, peggio ancora, scaricabarile. Adesso, servono solo e soltanto i fatti”. Nella sua nota Mario Chiavola, dopo aver ammesso che “le casse dell’Irsap di Ragusa non sono floride e che, per questo motivo, è stato deciso di chiudere una strada della zona industriale piena di buche perché non c’erano i fondi per effettuare le riparazioni”, tuttavia afferma “riteniamo che qualche soldo si possa spendere per cercare di garantire il necessario decoro alle rotatorie che insistono all’ingresso della città”. (da.di.)