Guardia di Finanza

Ragusa, sequestrati beni per 500 mila euro a Vittoria

Indagine fiscale

I militari del Comando Provinciale di Ragusa, su delega dell’Autorità Giudiziaria e nell’ambito dei servizi finalizzati al contrasto dell’evasione fiscale, hanno eseguito un sequestro per equivalente di circa mezzo milione di euro nei confronti di un imprenditore di Vittoria operante nel settore della fabbricazione e commercializzazione di imballaggi per prodotti ortofrutticoli.

Il sequestro scaturisce da una complessa indagine fiscale condotta dagli investigatori del Nucleo Polizia Tributaria di Ragusa, che ha consentito di smascherare l’imprenditore il quale, mediante l’utilizzo di fatture per operazioni inesistenti finalizzato all’indebita deduzione di costi e la detrazione dell’imposta sul valore aggiunto, ha presentato dichiarazioni dei redditi fraudolenti per diverse annualità. I finanzieri, nell’esecuzione del decreto emesso dal GIP di Ragusa, Dr. Reale, hanno sottoposto a sequestro preventivo beni immobili, autovetture, depositi bancari e postali, nonché polizze assicurative per circa 500.000 di euro nei confronti dell’imprenditore truffaldino.

L’importo del sequestro corrisponde pertanto alle imposte complessivamente evase sia in materia di imposizione diretta che in materia di imposta sul valore aggiunto. Lo strumento del sequestro preventivo ha lo specifico scopo di sottrarre, alla disponibilità degli evasori, il profitto dell’attività illecita posta in essere e di aggredire qualsiasi elemento patrimoniale nella loro disponibilità, anche per interposta persona. L’attività di servizio conclusa dalle Fiamme Gialle iblee testimonia l’importanza rivestita dall’analisi dei flussi finanziari con la quale possono essere concretamente individuati i capitali illeciti che creano nel mercato una pericolosa distorsione economica.