Salute

Il pediatra per smettere di fumare

Il 12% degli adolescenti è già tabagista

Il pediatra può svolgere un ruolo educativo importante per aiutare gli adolescenti e non solo a smettere di fumare. E’ questa l’idea di varie società scientifiche (Fimp, Simri e Aipo), che si sono 'alleate' per migliorare la preparazione dei medici che devono convincere giovani e genitori a smettere per sempre con le sigarette.

In Italia, infatti, un bimbo su 5 cresce in una casa in cui gli adulti fumano regolarmente e il 12% degli adolescenti è già tabagista. L’idea è quella di convincere i genitori di bambni con malattie respiratorie a smettere per sempre di fumare e, al tempo stesso, aiutare gli adolescenti a buttare via il pacchetto di sigarette prima che sia troppo tardi. Si tratta di due interventi di prevenzione strettamente correlati. In Italia infatti, ricordano gli esperti, un bambino su cinque cresce in una casa in cui è consentito fumare e questo aumenta il rischio di acquisire uno stato di dipendenza da grandi ma anche di sviluppare precocemente una malattia fumo correlata.

Il pediatra può però svolgere un ruolo educativo importante. Per questo motivo, al fine di fornire una corretta preparazione ai professionisti, la Federazione Italiana Medici Pediatri (FIMP), la Società di Malattie Respiratorie Infantili (SIMRI) e l'Associazione Italiana Pneumologi Ospedalieri (AIPO) danno il via a un progetto educazionale dal titolo "Il pediatria come facilitatore di smoking cessation". Dopo il primo corso che si è svolto a Salerno, le attività formative si sposteranno a Roma, Torino e Firenze.