Polizia di Stato

Ladri di corrente arrestati a Vittoria

Fermate due persone

Mentre si cerca droga (che viene rinvenuta) si trovano ladri di energia elettrica e la Polizia del Commissariato di Vittoria, in due diversi controlli presso le abitazioni rispettivamente di un pregiudicato comisano e di un tunisino incensurato, trova allacci abusivi alla rete Enel. Gli agenti hanno arrestato Mondher Cherif, tunisino incensurato di 35 anni che abita una casa in affitto in pieno centro storico.

I poliziotti con la collaborazione del personale specializzato dell’Enel ha scoperto un allaccio abusivo realizzato con cavo privato collegato ai conduttori Enel realizzato sulla parete del portone d’ingresso scorticando i cavi dell’enel e danneggiandoli. L’uomo dopo essere stato fotosegnalato dalla Polizia Scientifica è stato posto agli arresti domiciliari secondo le indicazioni ricevute dalla Procura della Repubblica; Francesco Doilo, comisano residente a Vittoria di 28 anni, pregiudicato e sottoposto alla misura di prevenzione dell’avviso orale applicatagli dal Questore di Ragusa. L’uomo abita in una villetta in c.da Miccichè, i poliziotti lo hanno sorpreso mentre seduto al tavolo della cucina era intento a tagliare sostanza stupefacente.

Bloccato immediatamente, veniva sottoposto a perquisizione personale e nascosti tra gli slip venivano rinvenuti quattro involucri di carta stagnola contenenti marijuana ed un involucro contenente hashish. Sul tavolo veniva recuperata altra marijuana pronta per essere confezionata e gli strumenti idonei al confezionamento, carta d’alluminio, forbici e taglierino intrisi di sostanza stupefacente oltre a semi di marijuana. In una stanza attigua si rinvenivano due bicchieri con delle piantine di marijuana germogliate da poco. In un’altra stanza gli Agenti rinvenivano uno scooter “smantellato” e fatti gli opportuni accertamenti, si scopriva che si trattava in realtà di due ciclomotori marca Scarabeo che erano stati rubati a Ragusa il 5 e 12 giugno scorsi.

Come se non bastasse, i poliziotti vedevano fuoriuscire un groviglio di fili dal contatore elettrico e presupponendo un allaccio abusivo, si richiedeva l’intervento del personale specializzato dell’enel che accertava anche in questo caso un allaccio diretto alla rete realizzato con cavo privato collegato ai conduttori enel scorticati e danneggiati. Doilo è stato arrestato per furto di energia elettrica e denunciato per il reato di detenzione ai fini di spaccio di sostanza stupefacente e per quello di ricettazione di due ciclomotori