Elezioni

Amministrative, l'usato garantito vince e il nuovo non convince

Un bilancio sulle elezioni nei Comuni della Provincia di Ragusa

Anche i Comuni della provincia di Ragusa chiamati a rinnovare Sindaci e Consigli comunali, in linea con quanto accaduto in altri comuni siciliani, preferiscono affidarsi all' "usato sicuro" e votano volti già conosciuti con alle spalle già parecchie esperienze politiche.

Il ritorno di Roberto Ammatuna, sindaco per due legislature e deputato regionale per una, a Pozzallo e di Sebastano Gurrieri, anche lui sindaco per dieci anni e deputato regionale per una legislatura, a Chiaramonte Gulfi ne è la dimostrazione. Sempre in linea con quanto accaduto nel resto d'Italia anche qui si registra il flop del Movimento 5 Stelle che dimostra come l'entusiasmo affidato alla rivoluzione grillina sia calato di colpo. Passata l'ondata di entusiasmo il Movimento 5 Stelle ha dimostrato di non essere radicato sul territorio e questo alzando un pò lo sguardo all'orizzonte potrebbe anche spiegare il perché del boicottaggio della nuova legge elettorale.

Anche in provincia di Ragusa così come nel resto del Paese, l'altro dato evidente è il calo di affluenza alle urne, ma prima di attribuire questo dato completamente alla disaffezione alla politica, bisogna tenere conto che nel 2012 si votò anche il lunedì fino alle ore 15.00. Ma tornando al risultato odierno negli iblei, bisognerà adesso analizzare il voto e cercare di capire perché "l'usato garantito vince", forse perché il nuovo non convince? E perché per vincere non servono alleanze, perché i sindaci uscenti non sempre trovano riconferma?

E questi risultati costituiranno una cartina tornasole in vista della prossima intensa stagione elettorale? Presto riusciremo a dare delle risposte.