Comune

Ragusa, Piano per il centro storico bloccato

Lo denuncia il consigliere comunale Mario D'Asta

“Tutto bloccato. Ma come? Avrebbe dovuto essere uno dei punti qualificanti dell’azione amministrativa di questa Giunta? E, invece, lo strumento del Piano particolareggiato dei centri storici resta nel limbo. Non se ne sa più niente. Circostanza che impedisce, di fatto, ai ragusani di potere investire nei due centri storici della nostra città potendo, magari, contare sulla possibilità di ristrutturare e accorpare, ammodernandole, delle abitazioni tra loro vicine.

Tutto resta inesorabilmente congelato. Per quale motivo? Interrogherò ed incalzerò l'amministrazione per capire il motivo per il quale nulla si è fatto. Produrremo una interrogazione per sollecitare, ancora una volta, l'Amministrazione a procedere su un settore strategico per la nostra città sia in termini di valorizzazione che di sviluppo complessivo”. Ad affermarlo il capogruppo del Pd al Consiglio comunale, Mario D’Asta, rivolgendosi alla Giunta municipale guidata dal sindaco Piccitto. Con riferimento al decreto di approvazione del Piano particolareggiato dei centri storici, il Consiglio regionale dell'urbanistica e quindi l'assessorato regionale Territorio non ha ritenuto accogliere quegli emendamenti che non erano supportati da parere positivo del Genio civile e della Soprintendenza.

Tra questi emendamenti rientrano quelli che, nel corso di una specifica seduta, il Consiglio comunale aveva ritenuto opportuno inserire nella delibera e quindi inviare a Palermo. Tra gli emendamenti previsti, anche quelli delle unità di base. “In assenza di parere positivo del Genio Civile e della Soprintendenza – afferma D’Asta – l'assessorato regionale ha deciso di non accogliere l’emendamento. Questo significa che l'Amministrazione comunale avrebbe dovuto rivedere il piano ed individuare puntualmente le unità di base oltre a elencare gli interventi edilizi che su queste unità di base sono consentiti. In attesa dell’ottemperanza di queste prescrizioni, per queste unità di base è possibile effettuare soltanto interventi di ordinaria e straordinaria manutenzione. Quindi, non è possibile intervenire per quanto riguarda la demolizione, l’accorpamento e la fusione tra varie unità di base così da realizzare un’abitazione più comoda e più vivibile.

Come è possibile che a distanza di quattro anni l'Amministrazione grillina non sia ancora riuscita a sciogliere questi nodi? Come al solito, nonostante in campagna elettorale Piccitto e soci avevano chiarito che questo problema sarebbe stato sanato, si predica bene e si razzola male. Soprattutto quando si ha modo di parlare di questioni di ampio spessore come questa che andrebbero ad interessare buona parte di quei ragusani intenzionati a investire sul centro storico, contribuendo, in questo modo, a farlo rivivere. Ancora una volta, la miopia di Piccitto è proverbiale considerato che non riesce a vedere al di là del proprio naso le necessità della città che amministra”.