Campionati italiani

Judo, Filippo Cicciarella trionfa a Riccione

Lo scorso fine settimana

Questo fine settimana si sono sfidati sui tatami del Play Hall di Riccione, nel Campionato Italiano Cadetti Under 18 circa 700 atleti e atlete.

Tappa fondamentale per i giovani atleti non solo per la conquista dell’ambito titolo di “campione Italiano” ma anche perché proprio da qui i tecnici federali decideranno chi convocare per i prossimi impegni internazionali giovanili. All’appuntamento, più determinati che mai, presenti gli allievi della Judo Club Koizumi Scicli del Maestro Maurizio Pelligra e della Mifune Judo di Modica, del Maestro Daniele Alfano.Nella categoria 60 kg. su ben 72 atleti è Filippo Cicciarella a mostrare sin da subito grande determinazione e voglia di portare a casa il così tanto atteso titolo, ed infatti riesce a vincere ben 6 combattimenti arrivando dritto in finale dove a lottare per la conquista del gradino più alto trova Matteo Armao che nulla può contro lo sciclitano che dopo un anno di incessanti allenamenti riesce a realizzare il suo sogno regalando al suo Maestro Maurizio Pelligra una vittoria che non può che riempire d’orgoglio lui, e tutto lo staff tecnico della “Judo Club Koizumi” che insieme lavorano duro per portare tutti gli allievi nelle condizioni di poter affrontare al meglio ogni competizione.

Ottima anche la prestazione dell’allievo della Koizumi, Giovanni Donzella, cat. 66 kg, che conclude in 7° posizione, su 74 partecipanti, 10° posizione per Thomas Nicotra cat. 50 kg, allievo della Mifune Judo per finire con il 17esimo posto dell’atleta Vincenzo Portelli cat. 55 kg, della Koizumi. “I ragazzi sono arrivati a Riccione decisi ad esprimere il meglio delle loro capacità – commenta il M° Daniele Alfano -. La giornata è stata positiva. Gli allievi hanno dimostrato di aver acquisito una buona esperienza. Torniamo a casa con una medaglia d’oro, motivo di orgoglio per me ma soprattutto per il M° Pelligra, che purtroppo a causa di un problema personale non ha potuto seguire i suoi atleti a Riccione, affidandoli quindi a me”.