Scienza

Combattere l'infertilità: arriva il radar degli spermatozoi

Seleziona i migliori in vista della fecondazione

Un radar per gli spermatozoi contro l’infertilità. E’ quello presentato sulla rivista Molecular Human Reproduction dai ricercatori dell'università britannica di Sheffield.

Lo strumento potrebbe essere impiegato per diagnosticare le cause della sterilità maschile e per selezionare gli spermatozoi migliori in vista della fecondazione in provetta. Con questa nuova tecnologia si potranno esaminare gli spermatozoi in maniera non invasiva, per tracciarne l'identikit molecolare, distinguendo quelli buoni da quelli cattivi. Si tratta di una metodologia che serve per esaminare la struttura molecolare degli spermatozoi senza danneggiarli rispetto alla maggior parte delle tecniche che oggi sono a disposizione per analizzare le molecole presenti negli spermatozoi che spesso finiscono per distruggerli, usando coloranti o rompendo la loro membrana cellulare per guardare all'interno.

Questo problema è stato superato grazie alla spettroscopia con tecnica di risonanza magnetica, che finora era stata usata solo per esaminare cellule e tessuti colpiti da altre malattie, come i tumori. I ricercatori britannici, invece, l'hanno applicata per la prima volta a spermatozoi umani viventi, opportunamente separati dal liquido seminale per mezzo di una centrifuga. Grazie a potenti magneti, il 'radar' colpisce le cellule sessuali maschili con innocui impulsi a bassa energia e ne 'ascolta' l'eco di ritorno per ricostruire le molecole presenti al loro interno.  

 

http://www.quotidianodiragusa.it/immagini_banner/1497633128-3-vitality.gif
http://www.quotidianodiragusa.it/immagini_banner/1495047499-27-winner-modica.gif