Polizia di Stato

Vittoria, provocò incidente da ubriaco: arrestato

Khemiri Nejm Eddine soprannominato Maradona

Era ricercato dall’inizio dell’anno, da quando l’Ufficio Esecuzioni Penali della Procura della Repubblica presso il Tribunale di Ragusa aveva emesso l’ordine di esecuzione per la carcerazione. Khemiri Nejm Eddine, tunisino di 32 anni era stato condannato per avere provocato nel 2010 un incidente stradale mentre guidava in stato di ebbrezza alcolica e per essere stato responsabile dei reati di resistenza a pubblico ufficiale e lesioni personali nel novembre 2015.

Tra il periodo di detenzione già scontato in regime di misura cautelare e la pena complessiva cui è stato condannato, rimangono ancora da espiare un anno, cinque mesi e venti giorni di reclusione oltre al pagamento della multa di 4 mila e 500 euro. Il soggetto, che aveva sempre gravitato su Scoglitti dove era conosciuto con il soprannome di “Maradona” per la somiglianza al campione argentino e probabilmente anche per il carattere esuberante, dall’anno scorso risultava irreperibile e sembrava avesse lasciato la zona. Le ricerche non si sono mai interrotte e ieri i poliziotti hanno fatto irruzione in un casolare abbandonato sito in contrada lucarella, alle porte di Scoglitti dove lo hanno trovato in compagnia del fratello.

Il caseggiato era occupato abusivamente, senza acqua ed energia elettrica. Khemiri è stato portato in Commissariato e fotosegnalato dalla Polizia Scientifica. Accertato che si trattava proprio del ricercato, è stato tratto in arresto e portato in carcere a Ragusa. L’attività va inquadrata in un vasto ed articolato piano di controllo delle aree rurali portato avanti dalla Polizia di Stato in questi giorni e volto alla identificazione delle persone che occupano immobili fatiscenti molto spesso all’insaputa degli stessi proprietari.