Energia rinnovabile

BaxEnergy scommette su Sicilia

Finanziamenti Sace

Simone Massaro, fondatore del centro di ricerca e sviluppo della BaxEnergy a Catania, società che sviluppa soluzioni innovative nel campo delle energie rinnovabili che ha ottenuto un finanziamento di 250 mila euro attraverso il Programma 2i per l'impresa di Sace, Cdp e Fei per l'accesso alle risorse europee del Piano Juncker, scommette in Sicilia.

Il finanziamento è destinato a sostenere i costi per brevetti e licenze in vari mercati, tra cui, Portogallo, Brasile e Sudafrica. "In cinque anni siamo riusciti a impiegare 84 persone nel centro di ricerche a Catania e contiamo di raggiungere le 120 entro il 2017", ha spiegato. Una forma di patriottismo, come la chiama lui stesso, che però è antieconomico. "A Dublino - ha detto - dove le proprietà intellettuali sono tassate meno, pagheremmo il 5% qui il 51%, ma vogliamo un prodotto che aumenti il Pil italiano". Massaro si è specializzato a Boston dove è rimasto per oltre dieci anni sviluppando software industriali basati su tecnologie Microsoft.