Sanità

Ginecologia, intervento in diretta al Cannizzaro di Catania

Il 20 giugno

Un intervento di chirurgia ginecologica in diretta: tutto rigorosamente ‘live’ durante i lavori di un congresso che si terrà all’Ospedale Cannizzaro di Catania il prossimo 20 giugno. Un momento di confronto e aggiornamento unico dedicato all’utilizzo delle nuove tecnologie nella ginecopatologia, con il coordinamento scientifico del dott. Filippo Fraggetta, ( Anatomia Patologia – AO Cannizzaro Catania ).

Relatori del corso saranno la Dott.ssa Giusy Scandurra ( Oncologia Medica Ginecologia Oncologica -Dipartimento Materno Infantile AO Cannizzaro Catania ); il Prof. Paolo Scollo ( Ginecologia e Ostetricia Dipartimento Materno Infantile AO Cannizzaro Catania ) e il Prof. Gian Franco Zannoni ( Dipartimento di Anatomia Patologica Università Cattolica del Sacro Cuore di Roma). Durante il corso verrà ribadito ancora una volta come, ormai, sia imprescindibile la collaborazione e il confronto tra specialisti. Durante i lavori saranno analizzate le nuove conoscenze sulla classificazione, diagnosi e trattamento delle patologie neoplastiche dell'apparato genitale femminile; si dibatterà anche delle opportunità e dei nuovi strumenti tecnologici che l'anatomo patologo, l'oncologo ed il chirurgo hanno a disposizione per un miglior approccio alla ginecopatologia, con particolare riferimento alla patologia ovarica.

Fiore all’occhiello dei lavori del corso, però, sarà il collegamento ‘live’ con la sala operatoria del professor Paolo Scollo e della sua equipe. Si potrà assistere in diretta ad un intervento chirurgico effettuato attraverso l’utilizzo di un microscopio digitale comandato da remoto, che renderà possibile la diagnostica intraoperatoria proprio dalla sala convegni. Il dibattito in aula che ne seguirà, darà spunto sulle problematiche riscontrate durante questa procedura. Il bagaglio verrà ampliato dalle riflessioni e dagli aggiornamenti dedicati alla patologia digitale, alla telepatologia, alla diagnostica molecolare e alle nuove terapie che coinvolgeranno tutto l’uditorio.