Gran Premio Giovanissimi 2017

Argento e bronzo per la Scherma Modica a Riccione

Argento per Emanuele Santoro e bronzo per Francesco Spampinato

Inizia alla grande il Gran Premio Giovanissimi 2017 per la Conad Scherma Modica. Nelle prime due giornate dedicate al fioretto sono state moltissime le emozioni e le soddisfazioni regalate da Emanuele Santoro laureatosi Vice Campione d’Italia nella categoria Maschietti e da Francesco Spampinato, che porta a casa un bronzo nella categoria Giovanissimi.

Nella prima giornata con ben 180 partecipanti in gara Spampinato conclude la fase a gironi con sei vittorie su sei match e successivamente supera il primo turno di eliminazione diretta vincendo 10-6 contro Caggiano di Pinerolo. Il giovane fiorettista modicano continua la sua striscia positiva nel match dei sedicesimi battendo, con non poche difficoltà, il fiorentino Chetoni 10-8. Più agevole il successo nel match per gli ottavi con il ternano Lo Storto, superato per 10-5. Nel match valevole per i quarti di finale Spampinato realizza un piccolo capolavoro contro il numero uno del ranking di categoria, il padovano Rampazzo, dando vita ad un entusiasmante match conclusosi 10-9 in favore del modicano.

Ancora una grande prestazione per Spampinato che raggiunge la zona podio ai danni del bresciano Rubagotti, con punteggio di 10-5 mentre in semifinale si arrende al pisano Iacomoni, poi vincitore del titolo, per 10-5. Lo stesso Iacomoni che aveva fermato l’altro talentuoso atleta di casa Conad Marco Palermo nel match degli ottavi, costringendolo ad un dodicesimo posto in classifica finale che lascia un po’ l’amaro in bocca.Nella seconda giornata di gara arriva un altro grande exploit grazie al fioretto di Emanuele Santoro, che alterna gli allenamenti tra il PalaMoak a Modica e la sezione distaccata di Pozzallo. Superati i due turni preliminari con 9 vittorie e 2 sconfitte, Santoro vince agevolmente prima contro il sassarese Tanda 10-3, poi contro lo spezzino Valente per 10-5 giungendo così agli ottavi di finale dove affronta e batte Fogazzi di Montebelluna approdando così alla sua prima finale nazionale.

Nei quarti di finale Santoro affronta il veronese Favaro, numero due del ranking nazionale di categoria, in un assalto al cardiopalma finito alla priorità e vinto con il punteggio finale di 6-5. In semifinale un altro match dai grandi contenuti tecnici contro il ternano Scassini sconfitto dal giovanissimo atleta di casa Conad per 10-7. Nel match valevole per il titolo italiano l’avversario è il livornese Pupilli con il quale Santoro dà vita ad un equilibratissimo assalto giunto fino al 9 pari, e che purtroppo l`ha visto cedere per una sola stoccata ad un passo dal traguardo più ambito. 

 
http://www.quotidianodiragusa.it/immagini_banner/1493541247-35-scherma-modica-fine-articolo.jpg