Comune

Modica, Garaffa: ignobile attacco della maggioranza

La maggioranza mi accusa di boicottaggio

“L’articolo della maggioranza con il quale mi si accusa di “boicottaggio” è inaccettabile e fa spregio della verità, della moralità, perché tenta di raggirare i cittadini e di ledere il loro rapporto fiduciario con le istituzioni”. A parlare è il presidente del Consiglio comunale, Roberto Garaffa.

E lo fa in risposta all’attacco diramato ieri dalla maggioranza del Consiglio comunale. “Ho il dovere di spiegare come stanno le cose –commenta Garaffa - qualche giorno fa, ho parlato personalmente con due dei tre capigruppo di maggioranza ed abbiamo convenuto su una delle due date possibili per convocare il Consiglio e cioè: giovedì 4 maggio o lunedì 8 maggio, con all’Ordine del Giorno il punto “Parcheggio a Marina di Modica”. Avevo dato la mia parola d’onore, che considero sacra, che ho intenzione di mantenere e manterrò. Va evidenziato che, la proposta di Delibera sul parcheggio a Marina di Modica, è stata approvata dalla Commissione giorno 13 aprile, mentre l’ultimo Consiglio si è tenuto il giorno prima, il 12 aprile. Ad una mia ulteriore convocazione per martedì 18 aprile, il sindaco e la maggioranza hanno inviato una nota, per l’ennesima volta, dichiarando la loro indisponibilità in blocco a partecipare a Consigli fino al 26 aprile, di conseguenza, non ho potuto fare altro che rinviare la seduta.

Ovviamente, stiamo parlando della stessa maggioranza che mi attacca perché “boicotterei i lavori”! Relativamente all’assurdo e mendace attacco in merito alla seconda delibera ovvero “sistemazione del tratto finale del Polo Commerciale”, per cui il Presidente sarebbe incriminato, la Commissione ha dato parere ieri, 27 aprile, ed ancora manca la firma del Presidente della 2° Commissione per cui l’atto non è ancora completo, quindi, ad oggi non può essere portato in Consiglio. Ancora una volta, la maggioranza mente sapendo di mentire, affermando che la delibera sarebbe pronta da circa un mese. Ed ancora, la stessa maggioranza, che accusa il Presidente dichiarando il falso, continua a far mancare il numero legale in Consiglio ed imporre rinvii ingiustificabili. Basti sapere che si tenta inutilmente di trattare la relazione del sindaco da più di tre mesi “1a convocazione a gennaio” e dopo che il sindaco ha espletato la sua relazione per oltre due ore, continua a fare di tutto per evitare che la minoranza possa replicare.

Ultimo episodio? Due giorni fa, il 26 aprile. E comunque, conosco bene i due capigruppo di maggioranza con i quali ho parlato e so che sono persone serie e rispettabili, per cui faccio appello al loro “Onore” ed auspico che diano testimonianza di ciò che, da persone per bene, avevamo convenuto, ovvero convocare il Consiglio entro giorno 8 maggio. Auspico, - conclude Garaffa - altresì, che non si facciano più trascinare e strumentalizzare da chi, mancandogli di rispetto, utilizza la loro credibilità a piacimento per i propri fini di natura propagandistici”. 

 
http://www.quotidianodiragusa.it/immagini_banner/1493541247-35-scherma-modica-fine-articolo.jpg