Tumore

Il caffè diminuisce il rischio di tumore prostata

Lo annuncia uno studio Neuromed

Tre caffè al giorno riduce il rischio di tumore alla prostata. Lo rivela una ricerca condotta dall'IRCCS Neuromed di Pozzilli in collaborazione con l'Istituto Superiore di Sanità e l'IRCCS Istituto Dermopatico dell'Immacolata di Roma.

La ricerca condotta su 7000 italiani, unita a studi in laboratorio, mostra che il rischio di tumore si riduce di oltre il 50% in chi beve più di tre tazzine al giorno. Sarebbe la caffeina la diretta responsabile degli effetti protettivi. Lo studio, condotto da George Pounis di Neuromed, è stato pubblicato sulla rivista International Journal of Cancer. Alcuni studi recenti avevano suggerito un effetto protettivo della bevanda. In questo nuovo lavoro sono stati seguiti nel tempo i partecipanti allo studio epidemiologico Moli-sani ed è stato appurato che il 53% di chi beveva tre tazzine di caffè al giorno ha avuto una netta riduzione di rischio.

Inoltre i ricercatori hanno testato l'azione di estratti di caffè (contenenti o meno caffeina) su cellule tumorali prostatiche in provetta. Solo gli estratti con caffeina hanno mostrato la capacità di ridurre significativamente la crescita delle cellule cancerose e la loro capacità di formare metastasi; un effetto che in larga parte scompare con il decaffeinato. Ciò suggerisce che l'effetto benefico è molto probabilmente dovuto proprio alla caffeina, più che alle numerose altre sostanze contenute nel caffè. 

 
http://www.quotidianodiragusa.it/immagini_banner/1493541247-35-scherma-modica-fine-articolo.jpg