Greenpeace

Fermato peschereccio di Mazara con pinne di squalo

Imbarcazione fermata da autorità della Sierra Leone

La guardia costiera della Sierra Leone la scorsa settimana ha fermato un peschereccio della marineria di Mazaro del Vallo perché a bordo aveva pinne di squalo. Lo rende noto Greenpeace, in zona con nave Esperanza, che anche diffuso un video dell'operazione.

La pratica dello shark finning, che consiste nella taglio delle pinne degli squali e il successivo rigetto della carcassa in mare, non è proibita dalla legislazione della Sierra Leone, mentre il divieto è invece previsto dalla normativa Ue e si applica a tutti i pescherecci europei e in tutti i mari. La normativa europea vieta inoltre la detenzione, il trasbordo e lo sbarco di pinne di squalo da pescherecci europei. A bordo di due pescherecci cinesi sono state trovate 70 buste contenenti carcasse di squalo. Le autorità della Sierra Leone hanno ordinato alle tre imbarcazioni di tornare al porto di Freetown per compiere ulteriori indagini.