Cronaca

Prostituta uccisa a Lodi: fermato 42enne

L'uomo ha confessato

Un uomo di 42 anni ha confessato l'omicidio della donna colombiana di 65 anni uccisa a Lodi. L'uomo, disoccupato, ha spiegato di avere agito in seguito a un raptus d'ira perché gli era stato negato uno sconto su una prestazione sessuale di 20 euro.

E' stato quindi accusato di omicidio aggravato da futili motivi e crudeltà. L'uomo, lodigiano, era già stato denunciato alle forze dell'ordine per violenze in famiglia. Due anni fa sua moglie aveva sporto denuncia dopo essere stata picchiata e aver assistito anche a soprusi sui figli. Proprio per questo la donna si era separata dal marito. Gli inquirenti hanno potuto appurare che da tempo l'uomo girava con in tasca nel giubbotto un coltello da cucina dalla lama di oltre 10 centimetri. Proprio con quest'arma, poi gettata dopo i fatti in un'aiuola spartitraffico e lì ritrovata dalla polizia, ha confessato di avere ucciso la donna.