Scienza

Tessuti di cuore coltivati su foglia di spinacio

Nutrito dal sistema vascolare della pianta

Il tessuto del cuore umano cresciuto per la prima volta su una foglia di spinacio. Il risultato ottenuto nel Worcester Polytechnic Institute è stato pubblicato sulla rivista Biomaterials.

I ricercatori, guidati da Joshua Gerslak, lo considerano una prova di principio della possibilità di utilizzare le piante come supporti per coltivare e rigenerare il tessuto del cuore, ad esempio per riparare i danni dell'infarto. Le attuali tecniche per ottenere organi in laboratorio, compresa la stampa 3D, non sono riuscite finora a riprodurre la complessa rete di vasi sanguigni indispensabile per nutrire e ossigenare i tessuti, in modo che possano crescere. I ricercatori guidati da Gerslak hanno pensato di risolvere il problema sfruttando il sistema vascolare che nelle piante trasporta la linfa. ''Le piante e gli animali - hanno osservato - sfruttano approcci radicalmente diversi per trasportare fluidi e nutrienti, eppure ci sono somiglianze sorprendenti nelle loro strutture di reti vascolari'.

Il primo passo è stato 'spogliare' le foglie di tutte le cellule vegetali, lasciando solo la struttura di cellulosa, non dannosa per l'uomo. L'impalcatura di cellulosa così ottenuta è stata quindi utilizzata per far crescere cellule di cuore umano, che sono state nutrite sfruttando il sistema vascolare della foglia. In breve tempo è stato ottenuto frammento del tessuto cardiaco completo di vasi perfettamente 'funzionanti', come hanno dimostrato i test. (Il tessuto del cuore umano nutrito dalla rete vascolare di una foglia foto e fonte: Worcester Polytechnic Institute)