Sanità

Il gelo per la fibrillazione atriale a Ragusa

Nel reparto di cardiologia

Nuovo traguardo della Cardiologia Interventistica dell’Asp di Ragusa. Grazie alla applicazione della “Crioablazione”, una tecnica innovativa che si avvale del “freddo”, i pazienti con Fibrillazione Atriale hanno una nuova possibilità di cura.

“La fibrillazione atriale - spiega il Antonino Nicosia, direttore della S.C. Cardiologia 1 di Ragusa, è l’aritmia cardiaca più comune, che colpisce in Europa circa 10 milioni di persone. La attivazione atriale scoordinata, percepita dal paziente come cardiopalmo, determina una maggiore affaticabilità e un rischio embolico elevato in pazienti con età maggiore di 50 anni”. Le cure tradizionali sono volte alla prevenzione del rischio tromboembolico (con farmaci anticoagulanti e/o device di occlusione dell’auricola sx) e all’interruzione mediante radiofrequenza dei “cortocircuiti” cardiaci che nascono proprio nell’atrio sx.

Da qualche mese si è introdotta la cosiddetta “crioablazione”: si usano dispositivi a forma di palloncino (“criopalloni”) con temperatura media di -40 gradi che gelano e quindi cicatrizzano il tessuto da cui origina lo stimolo elettrico anormale. “La crioablazione è la tecnica alternativa alla radiofrequenza e all’ablazione chirurgica” dice il dottore Giuseppe Campisi, che ha eseguito la metodica - oggi siamo in grado di garantire una migliore qualità di vita al paziente e maggiore sicurezza nella cura: minori complicanze ed incidenza di recidive, minore esposizione a radiazioni per tecnici e malati, sedazione molto meno profonda”.

“Grazie di cuore non solo al dottore Campisi, ma a tutta l’equipe tecnico-infermieristica di elettrofisiologia, specie al Sig. Carmelo Licitra, che con grande professionalità e dedizione ci hanno aiutato a raggiungere un traguardo importante. Siamo orgogliosi di offrire ai nostri pazienti una tecnica praticata solo in 3 ospedali siciliani - dice il direttore dottore Antonio Nicosia. Ringrazio la Direzione Aziendale, che ha sostenuto con fattività ed entusiasmo i miei progetti innovativi”. Viva soddisfazione esprime il direttore generale, Dr. Maurizio Aricò: “La innovazione è un momento fondamentale della vita della nostra Azienda.

Dobbiamo crescere dal punto di vista organizzativo, ad esempio potenziando la funzione delle reti tempo-dipendenti come quella dell’infarto; ma, al tempo stesso, è importante che introduciamo tecniche innovative, anche facendo da battistrada innovatori in ambito regionale. Grazie quindi ai nostri specialisti che, come il dottore Nicosia, danno lustro alla Azienda e al nostro territorio”. 

 
http://www.quotidianodiragusa.it/immagini_banner/1491050988-24-adamo-auto.gif

http://www.quotidianodiragusa.it/immagini_banner/1491050368-45-inventa.png