Comune

A Modica per la Giornata Mondiale del Servizio Sociale

nell’aula magna della scuola di assistenti sociali D’Alcontres

Promuovere la comunità e la sostenibilità ambientale. E' questo il tema della Giornata mondiale del Servizio Sociale, che si è celbrata ieri 21 marzo, nell’aula magna della scuola di assistenti sociali “D’Alcontres” a Modica.

Sostenibilità, urbanizzazione, politiche integrate a promuovere l'inclusione sociale e qualità ambientali come ad esempio la disponibilità di spazi verdi o non urbanizzati, luoghi pubblici sempre più accessibili, modalità di trasporto efficienti. Questa è una delle riflessioni espresse dall’assessore ai Servizi Sociali, Rita Floridia ieri davanti ad una sala gremita. Il dibattito si è avvalso dell’intervento dell’ing, Nadia Pediglieri che ha presentato lo studio relativo alla riqualificazione del centro storico della città di Modica , realizzato con il Circes dell’Università degli studi di Palermo e dell’ intervento del dott. Salvo Garofalo in qualità di rappresentante della Caritas sul Cantiere educativo di “ Crisci Ranni”.
Le conclusioni sono state tratte da Guglielmo Puzzo del centro studi IRIS “Socialia”.

I lavori sono stati aperti dal dr. Salvatore Poidomani, segretario generale Sunas (sindacato unitario delle assistenti sociali) e moderato dal dr. Luca Giurdanella, segretario regionale del Sunas. “La tutela, la salvaguardia e la valorizzazione delle risorse ambientali, ha dichiarato ancora Rita Floridia, sono priorità ampiamente riconosciute, a tutti i livelli internazionali , nazionali ma soprattutto è il livello locale che rappresenta quello più idoneo a formulare iniziative orientate alla sostenibilità e a promuovere processi sostenibili di sviluppo del proprio territorio. In quest’ambito è importante promuovere strumenti di pianificazione e sperimentazione di politiche che si basino sul miglioramento della vivibilità dei centri urbani e a un miglioramento delle condizioni di vita dei propri cittadini, non solo attraverso un processo di educazione ambientale che equivale anche ad un cambiamento dei propri stili di vita ma anche attraverso un lavoro sinergico integrato e di rete , dove diverse figure professionali lavorino per un obiettivo comune , il benessere della collettività.

In quest’ottica di educazione ambientale e di strumenti di pianificazione, il servizio sociale si colloca a pieno titolo, in quanto è una professione che promuove il cambiamento sociale , lo sviluppo, la coesione e l'emancipazione sociale, il servizio sociale coinvolge persone, comunità per migliorare il loro benessere. Esso è guidato dalla necessità di sfidare e cambiare quelle condizioni strutturali che contribuiscono all'emarginazione, all'esclusione sociale. E in un momento come questo di grande crisi economica, di grandi mutamenti del Welfare, occorre che i servizi sociali si aprano a nuovi scenari e sappiano dare contributi innovativi e alternativi , la crisi del welfare ha portato nuove povertà e oggi più che mai il nostro essere agenti di cambiamento deve essere sempre più propositivo ed incisivo”.

 
http://www.quotidianodiragusa.it/immagini_banner/1491050988-24-adamo-auto.gif

http://www.quotidianodiragusa.it/immagini_banner/1491050368-45-inventa.png