Diocesi

La paternità di San Giuseppe a Giarratana

Iniziata con la celebrazione eucaristica

Hanno preso il via i festeggiamenti in onore di San Giuseppe a Giarratana, così come in altri centri iblei, è una celebrazione religiosa particolarmente sentita. Il triduo, iniziato giovedì, è predicato dal parroco, don Mariusz Starczewski, all’insegna del tema “La paternità di San Giuseppe”. Giovedì sera, inoltre, si è tenuto un incontro avente per oggetto “Ripartiamo ancora dalla famiglia per accompagnare, discernere e integrare la fragilità” tenuto da don Nicola Iudica.

Ieri, alle 17,30, si è tenuta la via Crucis, con la coroncina e il canto delle litanie di San Giuseppe. Poi la celebrazione eucaristica e, in Chiesa madre, alle 19,30, la rappresentazione vivente della Passione di Cristo, animata dai ragazzi del catechismo. Sabato 18 marzo, alle 15, la tradizionale iniziativa riguardante la benedizione degli “altarini” di San Giuseppe mentre alle 17,45 ci sarà la recita del Rosario, la coroncina e il canto delle litanie di San Giuseppe. Alle 18,30 la celebrazione eucaristica mentre alle 20,30, presso l’ex cinema Bellini, sarà portata in scena la rappresentazione teatrale in due atti di “Eduardo Scarpetta” dal titolo “Miseria e nobiltà”, a cura della compagnia teatrale “La Giara” di Giarratana.

La fase clou, naturalmente, domenica 19 marzo con la festa esterna del patriarca che, quest’anno, tra l’altro, è sostenuta dall’ente di formazione Jobbing Centre Ragusa, sempre molto attento a quelle che sono le iniziative legate al mondo della tradizione locale. Dopo la celebrazione eucaristica delle 8,30, è previsto alle 9 il giro del corpo bandistico “Vincenzo Bellini” di Giarratana per le vie del paese. Quindi, alle 10,30, l’esecuzione di marce sinfoniche in piazza. Alle 11, la solenne celebrazione eucaristica. A mezzogiorno in punto la prima processione con il simulacro di San Giuseppe che procederà per le seguenti vie: corso Umberto I, via Cairoli, via Ruggero Settimo, via Verdi, chiesa Sant’Antonio, via Verdi, via Bellini, via Corridoni, via Bixio, via Cavallotti, via Roma, corso XX settembre, chiesa San Bartolomeo, via Galilei, via Andrea Costa, via Ruggero Settimo, via Martiri, corso Umberto I, chiesa Madre.

Alle 16, il giro del corpo bandistico per le vie cittadine e la raccolta dei doni. Quindi, alle 17, la tradizionale “cena” sul sagrato della chiesa Madre. Alle 19, la celebrazione eucaristica. Alle 20, la seconda processione con il simulacro di San Giuseppe per le seguenti vie: corso Umberto I, via Archimede, via Vespri, via Verdi, via Vittorio Emanuele, via Costa, via Mercato, via Pirandello, via Pacini, via Costa, corso XX settembre, corso Umberto I. Alle 22, il rientro della processione nella chiesa Madre e la riposizione del simulacro di San Giuseppe nell’altare maggiore. I fuochi pirotecnici saranno realizzati dalla ditta Elia Fireworks di Giarratana. 

 
http://www.quotidianodiragusa.it/immagini_banner/1493541087-13-raffaele-falco-fine-articolo.png
http://www.quotidianodiragusa.it/immagini_banner/1493541247-35-scherma-modica-fine-articolo.jpg

http://www.quotidianodiragusa.it/immagini_banner/1493540562-9-inventa.jpg