Anidride carbonica in energia: grazie a luce Sole

Anidride carbonica trasformata in energia, sotto forma di metano, usando i raggi ultravioletti: è possibile grazie a nuove nanoparticelle ideate dai ricercatori dell'università americana Duke e capaci di 'guidare' la reazione chimica.

Il prossimo passo dello studio pubblicato sulla rivista Nature Communications è raggiungere gli stessi risultati usando la luce del Sole e disporre così di una nuova incredibile fonte di energia. La chiave per questo processo chimico è il rodio, un metallo raro usato in molti settori della chimica per la sua capacità di 'guidare', ossia di funzionare come un catalizzatore, in modo preciso alcune reazioni necessarie alla produzione di farmaci e altri composti necessari al mondo industriale. I ricercatori americani hanno ora scoperto che quando vengono illuminate da luce ultravioletta le nanoparticelle di rodio riescono a favorire la formazione di molecole di metano.

(Nanoparticelle di rodio (in blu) utilizzano la luce per convertire la CO' in metano (fonte e foto: Chad Scales)