Il Gesù Bambino di Praga a Ragusa

Oggi, 18 febbraio, l’ospedale Civile di Ragusa accoglierà il simulacro del Gesù Bambino di Praga proveniente dal santuario di Arenzano, in provincia di Genova.

Alle 10 la peregrinatio del simulacro nei reparti e, a seguire, la sosta in cappella. A darne comunicazione il direttore dell’ufficio diocesano per la Pastorale della salute, don Giorgio Occhipinti, il quale spiega che “oggi la devozione a Gesù Bambino di Praga, diffusa in numerosi paesi del mondo, ha nel santuario di Arenzano il suo centro di irradiazione più universale e più vivace. In questo contesto – continua don Occhipinti – assume un significato particolare la realtà del collegamento diretto che si è da poco stabilito, dopo i recenti mutamenti politici, con la chiesa di Santa Maria delle Vittorie a Praga, culla della devozione a Gesù Bambino.

"Il Messaggero di Gesù Bambino di Praga", nato ad Arenzano nel 1905, è divenuto lo strumento che lega i due centri di irradiazione, situati in Italia e nella Repubblica Ceca, con i fedeli di tutto il mondo. E domani, per la prima volta, sarà all’ospedale di Ragusa”. Sempre domani, inoltre, saranno concluse le iniziative legate alla Giornata del malato 2017 con il pellegrinaggio alla Madonna di Lourdes nella chiesa di san Michele insieme con la sottosezione di Ragusa dell’Unitalsi. Il via alle 16 dalla sede dell’Unitalsi in via Giovanni Meli 2; a seguire la recita del Rosario e quindi la celebrazione della santa messa. “Cosa ricordiamo il 18 febbraio? – dice don Occhipinti – A Lourdes, viene portata in processione per le vie della città l’unica reliquia di santa Bernadette che si trova nella cripta del santuario.

In queste giornate siamo stati in comunione spirituale con il santuario e la conclusione delle nostre iniziative in occasione proprio del 18 febbraio assume uno straordinario significato simbolico”. 

 
http://www.quotidianodiragusa.it/immagini_banner/1491050988-24-adamo-auto.gif

http://www.quotidianodiragusa.it/immagini_banner/1491050368-45-inventa.png