Polizia Ragusa, controlli e denunce per truffe online

Gli uomini dell’Ufficio Volanti durante numerosi posti di controllo individuati nella periferia di Ragusa hanno controllato 250 soggetti e oltre 1000 autovetture, mediante l’utilizzo dei sistemi di lettura automatica della targhe a bordo delle pantere della Polizia di Stato.

Rilevate diverse sanzioni amministrative per violazione di norme del codice della strada per un valore di oltre 800 euro. Intensificata l’azione di controllo di tutti i soggetti sottoposti a misure restrittive della libertà personale perché sottoposti agli arresti domiciliari e alla misura della sorveglianza speciale. Durante tali servizi gli uomini dell’Ufficio Volanti hanno pizzicato D.B., cinquantenne Ragusa, sorvegliato speciale che nonostante fosse privo della patente di guida in quanto revocata per via della misura di prevenzione circolava liberamente a bordo di un auto per le vie cittadine.

L’uomo, prontamente riconosciuto dagli agenti è stato fermato e denunciato all’Autorità Giudiziaria per le violazioni alle misure prescrittive alle quali era sottoposto con la valutazione di un inasprimento delle stesse. Intensificata anche l’attività di vigilanza e controllo nei pressi degli istituti scolasti e dei luoghi di aggregazione dei giovanissimi. Durante tale attività nei pressi del Liceo Scientifico di Ragusa è stato sottoposto a controllo un giovane diciassettenne, che si aggirava con fare sospetto, addosso al quale sono state rinvenute due dosi di sostanza stupefacente di tipo marijuana.

La droga è stata sottoposta a sequestro ed il minore è stato segnalato alla locale Prefettura quale assuntore di sostanze stupefacenti e successivamente affidato alla madre. Un altro minore diciassettenne, dopo aver abusato nell’assunzione alcolici è stato soccorso dagli agenti che lo hanno ritrovato, di notte, dormiente nei pressi di alcuni bidoni per la raccolta della spazzatura. Il ragazzo è stato affidato alla custodia dei genitori che sono stati avvisati, portandosi immediatamente sul posto. Costante anche l’azione di contrasto nei confronti dei reati di tipo informatico con particolare attenzione a quello delle truffe on line.

Negli ultimi giorni infatti sulla base degli elementi raccolti da due segnalazioni presentate presso l’Ufficio Denunce della Questura di Ragusa, gli uomini diretti dal Commissario Capo Filiberto Fracchiolla hanno condotto due indagini lampo che hanno portato alla individuazione di due soggetti ritenuti responsabili del reato di truffa on line. Nel primo caso una donna ragusana dopo aver visionato l’annuncio della vendita privata di un cellulare Iphone, ritenendolo un affare, aveva contattato il venditore effettuando la ricarica di una carta postepay del valore di oltre 300 euro.

Effettuato il versamento il venditore ha iniziato ad accampare le prime scuse rinviando la consegna fin quando ha fatto perdere le proprie tracce divenendo irreperibili. 

 

http://www.quotidianodiragusa.it/immagini_banner/1489236857-40-mickey-mouse.jpg