Ragusa, psicosi meningite: perchè il vaccino

Il Servizio Epidemiologia e Profilassi del Dipartimento di Prevenzione dell’Asp di Ragusa, a seguito delle notizie apparse sulla stampa che hanno creato molto allarmismo sulla vicenda dell’infezione da meningite da meningococco, ha predisposto una scheda informativa per i cittadini di facile consultazione per attingere le informazioni corrette.

Nel 2016 sono stati segnalati 178 casi di meningite da meningococco, con un'incidenza in lieve aumento rispetto al triennio 2012-14, ma in diminuzione rispetto al 2015. Ciò è dovuto alla presenza in Toscana di una trasmissione più elevata che nel resto d' Italia, dove la situazione è costante, soprattutto per quanto riguarda l'infezione da meningococco di tipo C negli adulti già notata nel corso del 2014. Il numero totale dei casi di meningite, dovuti, quindi, anche agli altri germi indicati, è passato da 1.479 nel 2014, a 1.815 nel 2015 e a 1.376 nel 2016.

Si sono verificati 940 casi di meningite da pneumococco nel 2016 (rispetto ai 1.256 casi del 2015) e 80 da emofilo (rispetto ai 131 del 2015).La letalità della meningite è di circa il 10% nei casi dovuti a pneumococco (98 deceduti su 940 pazienti nel 2016) e di circa il 12% nei casi da meningococco (21 su 178 pazienti), che aumenta al 23% nel caso in cui il ceppo di meningococco sia il C (13 su 51 pazienti). Per quanto riguarda il meningococco di tipo C, il più letale, le cifre dicono che ha causato 36 decessi negli ultimi quattro anni, in una popolazione di quasi 65 milioni di persone.

Considerando tutti i ceppi di meningococco che danno la meningite, non si supera il 10% della letalità, anche in questo caso con 711 casi nel quadriennio (178 nel 2016) e 77 decessi registrati complessivamente 17 nel 2016). Clicca qui per i dettaggli informativi: file:///C:/Users/UTENTE/Downloads/Meningite%202017%20comunicato.pdf

 

http://www.quotidianodiragusa.it/immagini_banner/1489236857-40-mickey-mouse.jpg