Comiso: no alla privatizzazione del cimitero

"L'intenzione di trasformare il Cimitero in un grande business a favore esclusivo del sodalizio privato che si aggiudicherà la relativa gara, ci vede fortemente contrari per le ricadute negative sui cittadini che dovrebbero soggiacere, in regime di monopolio, alle richieste economiche e alle disposizioni dell'eventuale concessionario, nonché sugli operatori del settore".

Lo afferma il deputato regionale Giorgio Assenza, consigliere di opposizione del Comune, che interpreta il malumore che serpeggia tra i cittadini e le categorie lavorative in ordine alla decisione dell'Amministrazione comunale di procedere alla gara per l'aggiudicazione della progettazione, l'esecuzione dei lavori e l'affidamento della gestione dei servizi cimiteriali di Comiso e Pedalino per i prossimi 25 anni. "Bene la realizzazione delle strutture cimiteriali di Pedalino - continua Assenza - bene la riqualificazione del Cimitero di Via Roma, ma non possiamo non opporci alla gestione privata, per la ricaduta negativa sui cittadini, con l'aumento dei costi, e la penalizzazione delle competenze professionali e imprenditoriali locali.

Temiamo sia l'ennesima scelta scellerata di un'Amministrazione contro la quale si avverte un ampio, profondo e motivato dissenso in città". "Chiediamo - conclude il consigliere d'opposizione - che l'Amministrazione torni sui suoi passi per non arrecare ulteriori danni ai cittadini con un bando ingiusto che lede la libertà di ognuno di scegliere a chi affidarsi, obbligando tutti a scegliere un unico gestore, e impedisce agli operatori del settore di fare il proprio mestiere".