Modica: debito da 570 mila euro con il Consorzio

Il Comune continua a ricevere decreti ingiuntivi dal Consorzio di Bonifica n.8 di Ragusa per dei debiti pari a circa 570 mila euro maturati dal 2013 ad oggi. Lo denuncia il consigliere comunale di Contea Modica, Andrea Rizza. “Premesso che il 23 giugno del 2003 è stata stipulata, tra il Consorzio di bonifica ed il Comune, una convenzione per la fornitura di acqua potabile per consumo umano da utilizzare per il potenziamento idrico delle contrade Mauto e Rocciola Scrofani – commenta Rizza – c’è da chiedersi come mai l’Ente negli ultimi anni non ha adempiuto ai pagamenti. Questo non solo ha prodotto azioni legali contro il Comune provocando un aggravio di costi per le casse comunali ma potrebbe compromettere la regolare erogazione del servizio con ripercussioni su oltre 1500 famiglie che oggi ne usufruiscono”.

Il consigliere Rizza chiede al sindaco Ignazio Abbate quali sono state le motivazioni che hanno portato al mancato pagamento delle somme dovute al Consorzio e se gli stanziamenti previsti per gli anni 2013, 2014 e 2015 sono stati congrui rispetto all’effettivo impegno di spesa da sostenere per la fornitura del servizio. Infine invita il primo cittadino a spiegare come intende risanare il debito per evitare ripercussioni ed eventuali disagi nell’erogazione dell’acqua per i cittadini.

Il sindaco Ignazio Abbate interpellato sull’argomento spiega che il Comune ha un contenzioso aperto con il Consorzio. “Abbiamo avviato una procedura – commenta Abbate – per chiedere il ripristino delle strade che sono state “dissestate” dai lavori fatti dal Consorzio per il passaggio delle tubature. Fino a quando il Consorzio non provvederà al ripristino non pagheremo il debito”.