Trasferito il Pronto Soccorso del Maggiore di Modica

Nuovi locali per il Pronto Soccorso di Modica. Effettuato questa mattina il trasferimento del Pronto Soccorso dell’ospedale Maggiore nei nuovi locali temporanei al piano terra del monoblocco A. Si tratta di una collocazione temporanea per consentire lo svolgimento dei lavori di ristrutturazione dei vecchi locali che porteranno ad avere un pronto soccorso moderno e che possa rispondere in modo adeguato alle esigenze degli utenti/pazienti che ne usufruiranno. Cos’è cambiato? L’ingresso alla nuova struttura è allocata alle spalle del vecchio pronto soccorso (vedi foto) sia per le ambulanze che per i pazienti deambulanti autonomi.

Nei nuovi locali un triage molto più accogliente e funzionale mentre le sale visite e l’osservazione breve sono strategicamente collocate al centro del Pronto Soccorso ( foto). Presente al trasferimento dalle prime ore del mattino anche il direttore generale dell’Asp 7 di Ragusa Maurizio Aricò il quale ha voluto ringraziare tutto lo staff che ha contribuito al trasferimento di tutte le attrezzature e i dispositivi senza creare disagi agli utenti che stamattina hanno fatto ricorso al Pronto Soccorso. I lavori per il nuovo Pronto Soccorso cominceranno lunedì.

Il progetto prevede la realizzazione di quattro sale di emergenza, una camera calda e un triage che selezionerà il percorso che ogni paziente dovrà seguire all’arrivo in ospedale stabilendo se rosso, giallo, verde e bianco. Ci sarà un ambulatorio per il codice bianco riservato ai pazienti che si rivolgono al pronto soccorso per piccoli problemi che quasi sempre potrebbero essere risolti tranquillamente dal medico di famiglia. Ci saranno grandi aree di emergenze, percorsi differenti per l’utenza in grado di deambulare, la sala preposta all’accoglienza e soprattutto l’allocazione strategica del triage che smisterà la priorità dei codici. Infine è prevista anche la realizzazione della camera calda, progettata dal geometra Maurizio Toro dell’ufficio tecnico aziendale, un’area che consente di effettuare il “trasbordo” del paziente in una situazione di confort termico e climatico maggiore, rispetto all’effettuazione della medesima operazione all’aria aperta. I lavori del nuovo Pronto Soccorso costeranno circa 800 mila euro.