Sbadigli, sintomo di intelligenza e non noia

Lo sbadiglio potrebbe essere segno di intelligenza e non di noia o carenza di sonno. E’ quanto si legge in uno studio pubblicato sulla rivista Biology Letters e condotto nella State University of New York a Oneonta. La ricerca svela che più a lungo si sbadiglia, più è grande il proprio cervello e più intelligente è lo ''sbadigliatore''. Lo studio ha analizzato la durata dello sbadiglio e le dimensioni del cervello di 109 individui di 19 specie diverse tra cui conigli, gatti, elefanti, cani e naturalmente esseri umani.

Dai dati è emerso che la durata dello sbadiglio è correlata non alla grandezza della mascella ma a quella del cervello. Infine sostengono che più la specie è evoluta, intelligente, più grande è lo sbadiglio che farà. Il coordinatore dello studio Andrew Gallup ha ipotizzato che la differenza degli individui della stessa specie che sbadigliano spalancando di più la bocca può significare che hanno un cervello più grande e che siano anche più intelligenti. Una ipotesi anche questa che potrà essere confermata solo attraverso altri studi.